AIDO REGIONALE ALTO ADIGE

www.aido.it/bolzano

News&Eventi

11/03/2017

AIDO - Fortbildung, Samstag 11. März 2017 Gemeinschaftszentrum Maria Heim, Neustifterweg 5, Bozen   9.30 Begrüßung, Kilian Bedin 9.35 Einführung in die AIDO - Fortbildung,...

11/09/2016

Domenica 11 settembre 2016 - ore 10.00 Festa Campestre Area attrezzata - San Genesio (BZ) La Sezione AIDO Alto Adige invita tutti a trascorrere una giornata in allegria, con...

11/09/2016

Sonntag 11.09.2016 ab 10 h Waldfest Jenesien (BZ)   Die Sektion AIDO Südtirol ladet herzlich  zu einem gemeinsamen Tag mit Musik, Spiele für Groß und Klein, Grillspeisen und...

27/07/2016

In 109 der 116 Gemeinden ist es derzeit möglich, die Willenserklärung zur Organspende abzugeben: Südtirol ist damit italienweit einsamer Spitzenreiter. Eine Übersicht, die vom Landesressort...

27/07/2016

In 109 dei 116 comuni altoatesini è ora possibile rilasciare la dichiarazione di disponibilità alla donazione di organi. Sono ben 109 su 116 i Comuni altoatesini che prendono parte alla...

20/10/2015

Merano (BZ): Martedì, 20 ottobre 2015 - ore 20.00 “Salvare vite grazie alla donazioni di organi” Tavola rotonda con pazienti, familiari e rappresentanti delle associazioni, AlDO, AVIS, ADMO,...

06/09/2015

Vereinigung für die freiwillige Organ-, Gewebe- und Zellenspende Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule Landessektion Südtirol Sezione Provinciale Alto Adige...

04/06/2015

Giovedì 4 Giugno 2015 – ore 19,30 Serata di informazione sulla donazione degli organi “Aiuto attraverso lo sviluppo nel campo medico-clinico” Sala Rappresentanza del Comune di Bolzano...

12/05/2015

Care altoatesine e cari altoatesini, i numeri parlano da soli: nel 2014 i nostri concittadini presenti sulle liste di attesa per la donazione di organi erano 80, ma solo 20 hanno potuto ottenere...

21/02/2015

EINLADUNG AIDO Sektion Südtirol Samstag, den 21. Februar 2015 - 9–12 Uhr Workshop zum Thema "GEMEINSAM ZUKUNFT BILDEN" Blindenzentrum "St. Raphael" Schießstandweg 36 - Bozen Mit...

21/02/2015

INVITO Sezione AIDO Alto Adige Sabato 21 febbraio 2015 - ore 9–12 Laboratori sul tema "COSTRUIAMO INSIEME IL FUTURO" Blindenzentrum "St. Raphael" vicolo Bersaglio 36 - Bolzano In vista...

20/09/2014

Un seminario per familiari di donatori di organi, per pazienti in attesa di trapianto, per pazienti trapiantati Sfortuna e fortuna, dolore e gioia – è raro che destini così contrapposti siano...

20/09/2014

Unglück und Glück, Trauer und Freude - selten sind so gegensätzliche Schicksale so eng miteinander verknüpft wie bei der Organspende. Und doch sind die betroffenen Menschen so weit voneinander...

 

La Sede

La Sezione Provinciale A.I.D.O. di Bolzano è stata fondata il 12 aprile 1974 (Presidente: Claudio Rotelli). Nell’agosto dello stesso anno la sezione raggruppa più di 200 iscritti ed è affiancata da un Consiglio Scientifico composto dai primari dell\'ospedale regionale di Bolzano e dal medico legale dottor Giovanardi. La neonata sezione bolzanina formalizza inoltre rapporti con associazioni di volontariato, con l\'ospedale e con diverse personalità politiche direttamente interessate. Tra i nomi importanti che hanno aderito all\'AIDO nel corso del 1975, il campione di sci Gustav Thoeni. Nel 1975 viene anche costituito il Consiglio medico che, secondo il regolamento, dovrà «collaborare con il consiglio direttivo dell\'associazione per diffondere, tramite conferenze e pubblici dibattiti, l\'informazione sulla condizione umana di coloro che attendono un rene o una cornea per tornare a vivere e a vedere nonché aggiornare i dirigenti dell\'AIDO sul progresso che si sta compiendo nella tecnica dei trapianti».

Tra i medici, dottori e professori, che hanno aderito all\'iniziativa i primari: Gian Paolo Bozani (anestesia e rianimazione), Elio Braito (cardiologia), Paolo Coser (ematologia), Bruno Currò Dossi (neurologia), Francesco Faccioli (chirurgia), Walter Huber (nefrologia), Luciano Pagani (oculistica), Luis Ploner (odontostomatologia e chirurgia plastica), Gius Scomazzoni (anatomopatologia), Aldo Toffol (urologia), Franco Tomazzoni (pneumologia) e Anton von Lutterotti (medicina), Franco Giovanardi (medicina legale). Con la presidenza del rag. Mario Todesca si svolge durante il 1976, presso l\'Albergo Grifone di Bolzano, il meeting promosso dal Lions Club sul tema “La donazione degli organi umani”.

Nel 1977 si svolge a Bolzano la seconda assemblea nazionale con lo slogan «Nessun uomo è un\'isola» e , seguendo le indicazioni uscite dal Congresso nazionale per un impegno in una campagna di prevenzione delle malattie dei reni e degli occhi che possono portare alla necessità di un trapianto, la sezione altoatesina organizza un congresso sulla prevenzione delle nefropatie e delle malattie oculari. Nel 1978 l\'AIDO entra nelle scuole con una serie di incontri di sensibilizzazione; viene proiettato il film «Vivere oltre la morte» al quale viene fatto seguire un dibattito. A cinque anni dalla fondazione la sezione registra una presenza di circa 1000 soci.

Nel 1981 si costituisce a Bressanone il gruppo comunale. Quasi contemporaneamente nasce anche il gruppo di Merano che in pochi mesi di attività riceve circa 300 adesioni. Nel 1984 si costituisce l\'AIDO a Brunico, mentre la sezione di Bolzano festeggia il decennale con ben 2700 iscritti. In tale occasione viene eletto il nuovo presidente Albino Pojer che si impegna ad attivare un\'intensa opera di propaganda nei centri minori, ove sono in via di costituzione molti gruppi. Per realizzare un intervento il più possibile capillare sul territorio e per essere il più vicini possibile alle persone, viene fondato anche il gruppo comunale di Bolzano del cui direttivo fanno parte alcuni membri del diretti provinciale e molti volti nuovi; sempre nel 1985 si costituisce il Gruppo Aziendale dei Postelegrafonici, molto attivo e ricco di iniziative.
Nel 1986 nascono I\'AIDO di Salorno e quello di Campo Tures-Valle Aurina. Nel giugno del 1990, sulla scia dell\'entusiasmo suscitato dal riuscito trapianto di fegato alla piccola Christine Hanni, si costituisce il gruppo della Val Venosta.

Attualmente nella provincia di Bolzano sono attivi solamente i gruppi comunali di Bolzano (circa 8.000 soci) e Bressanone (circa 2.000 soci).
torna su