indietro

É morto Thomas Starzl, rivoluzionò il trapianto d'organi

Nel 1963 eseguì il primo trapianto di fegato e tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 fu tra i pionieri dei trapianti di organi da babbuino all'uomo

05/03/2017

É morto a 91 anni Thomas Starzl, il chirurgo americano che ha rivoluzionato la tecnica dei trapianti: nel 1963 nell'università di Pittsburgh ha eseguito il primo trapianto di fegato e tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90 ha sperimentato i trapianti di babbuino all'uomo. La notizia ha cominciato a rimbalzare su Twitter dagli Stati Uniti, dove molti dei suoi allievi ricordano Starzl e il ruolo importante che ha svolto.

Nel nostro Paese a ricordare il chirurgo americano è la Società Italiana Trapianti d'Organo: "con la morte di Starzl il mondo della medicina perde non solo uno straordinario chirurgo-scienziato e un grande maestro, ma l'icona stessa del pionierismo nei trapianti", ha scritto in una nota il presidente, Umberto Cillo, che è stato allievo di Starzl. Ricordano il chirurgo americano anche altri suoi allievi italiani, oggi direttori di centri per i trapianti, come Antonio Pinna, dell'Università di Bologna, e Vincenzo Mazzaferro, dell'Istituto Nazionale Tumori di Milano.

Cillo ricorda ancora Starzl come un "instancabile ricercatore dell'ignoto" che "ha realizzato i sogni della sua mente immaginifica attraverso il rigore scientifico, scrivendo una delle pagine più alte della medicina moderna". Quando nel 1963 Starzl ha eseguito il primo trapianto di fegato nell'uomo ha affrontato una vera e propria sfida: se ancora oggi è un intervento "di enorme complessità", nel 1963 era "apparentemente impossibile", ha osservato Cillo. E' stata un'impresa difficile e dolorosa: "all'inizio della sua sfida sui trapianti di fegato lavorava a Denver, perse i primi tre bambini trapiantati per complicanze dell'intervento. Un dramma umano enorme - ha rilevato il presidente della Società Italiana Trapianti - che tuttavia non fermò lo scienziato".

Nato l'11 marzo 1926 nell'Iowa, Starzl ha cominciato la sua carriera nel 1962 nell'Università del Colorado, dalla quale nel 1981 si è trasferito in quella di Pittsburgh. Dopo anni di tentativi, nel 1967 è riuscito a ottenere il primo successo nel trapianto di fegato, fino a farlo diventare in breve tempo un intervento di routine. Importante anche il suo ruolo nella terapia immunosoppressiva, attivo fin dall'inizio degli anni '80, e il contributo alle ricerche volte alla conservazione degli organi destinati ai trapianti, come alla tecnica al trapianto di più organi (multiviscerale) e a quella del trapianto delle isole del pancreas. Hanno poi sollevato polemiche e fatto discutere tutto il mondo i suoi esperimenti volti a esplorare la fattibilità dei trapianti dagli animali all'uomo.

Starzl ha smesso di operare nel 1991, all'età di 65 anni, ma ha continuato a essere molto attivo sui fronti dell'insegnamento e della ricerca nell'università di Pittsburgh, che ha voluto dedicare a lui l'Istituto Trapianti. Un riconoscimento per il fatto che negli anni '80 il centro medico dell'Università di Pittsburgh (Upmc) divenne un riferimento mondiale per i trapianti con pazienti da ogni angolo del pianeta: nel 1990 vi furono eseguiti 471 trapianti di fegato, più di uno al giorno.

Nel 2008 Starzl affermò che il suo lascito era il lavoro svolto più che gli straordinari risultati scientifici ottenuti: "Non ho mai avuto un grande piano complessivo, andavo a lavorare ogni giorno e facevo il meglio che riuscivo".

(Repubblica.it)

torna su