indietro

L'AIDO compie quarant'anni.

Sito web del Ministero della Salute - Primo Piano CNT

26/02/2013
Era il 26 febbraio 1973. Esattamente 40 anni fa nasceva a Bergamo l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule. Gli anni Ottanta hanno visto l’Associazione crescere nel numero dei tesserati e nell'impegno a promuovere una cultura della donazione e del trapianto tanto nei cittadini che tra gli esperti del settore. Encomiabile è stata la partecipazione dell’AIDO alla scrittura di emendamenti da proporre a integrazione al disegno di legge sui trapianti predisposto dalla Commissione Sanità della Camera. Una legge fortemente voluta nel nostro Paese e che finalmente arriva il 1 aprile del 1999 anche grazie al costante impegno dell’AIDO. Impegno che non viene meno ma che si moltiplica perché all’AIDO viene riconosciuto dalle istituzioni un ruolo fondamentale nell'informazione dei cittadini sui temi collegati alla donazione e al trapianto di organi. Nello stesso anno l’AIDO entra a far parte della Consulta tecnica permanente per i trapianti, come previsto dall'art. 9 comma 2 della legge 91/99. L’AIDO ha rappresentato, sin dalla sua costituzione, un punto di riferimento e un esempio di dialogo e interlocuzione tra la società civile e le istituzioni. Del resto già nel 1986 l’allora Ministro della Sanità, Costante Degan, aveva consegnato all’AIDO la medaglia d’oro al merito della Sanità Pubblica, conferita dal Presidente della Repubblica, Francesco Cossiga. Dal 2004, l’Associazione partecipa alla annuale Campagna nazionale di comunicazione del Ministero della Salute realizzata in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e le principali associazioni di settore ed è impegnata nell’animare, con i suoi volontari, le piazze italiane in occasione della Giornata Nazionale per la donazione e trapianto di organi e tessuti. Nel 2008 l’AIDO raggiunge il milione di associati e consegna nelle mani del direttore del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro Nanni Costa, un simbolico assegno: un milione di dichiarazioni di volontà positive da inserire nel Sistema Informativo Trapianti e che, grazie ad una convenzione, sono regolarmente visibili dal database del CNT. Oggi nel SIT sono registrati, in totale, 1.323.810 cittadini che hanno espresso il loro consenso alla donazione di organi e tessuti di cui 1.202.648 mediante l’iscrizione all’AIDO, 116.429 mediante la registrazione presso le ASL, 4.733 mediante la registrazione presso i Comuni dove la modalità è attiva al momento del rinnovo o rilascio della carta d’identità. Questi numeri raccontano di milioni di volontari impegnati ogni giorno nelle sedi dell’Associazione, tra i ragazzi delle scuole superiori, tra gli universitari, nelle piazze e dimostrano il ruolo fondamentale che l’AIDO continua ad avere nella diffusione della cultura della donazione, nella collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e con il Ministero della Salute, nell'impegno e nella partecipazione: un esempio paradigmatico e virtuoso di stretto legame e sinergia tra la società civile e le istituzioni. Celebriamo con molta gioia i quarant'anni dell’AIDO e siamo certi che sarà capace di affrontare e accogliere le sfide che il futuro ci porrà con rinvigorito entusiasmo e impegno.
torna su