indietro

Lettera di auguri per il 40° AIDO.

Direttore del Centro Nazionale Trapianti, dott. Alessandro Nanni Costa

26/02/2013
Caro Presidente, è per me un piacere e un onore unirmi ai festeggiamenti per il quarantennale dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule. L’impegno dei volontari dell’Aido, nato ben prima della formalizzazione dell’attuale sistema trapianti italiano, si è da sempre distinto per sostenere un dialogo chiaro, puntuale e mai retorico con i cittadini su un tema così delicato come la donazione di organi. Un’Associazione che, con encomiabile lungimiranza, ha saputo lavorare con le Istituzioni per la diffusione della cultura della donazione e per richiamare la pubblica attenzione sull’importanza di esprimere la propria volontà. L’amicizia e la collaborazione che lega l’ Aido al Centro Nazionale Trapianti sin dalla sua istituzione nel 1999 ha contribuito negli anni a raggiungere quel grado di eccellenza del nostro sistema riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale. Se siamo riusciti a scalare le vette dell’Europa è anche grazie alla dedizione dei volontari dell’ Aido, alla loro passione nel raccogliere le adesioni alla donazione e al loro coinvolgimento nelle attività di informazione promosse dal Ministero della Salute. La cornice celebrativa del vostro anniversario è, per questo motivo, l’occasione per far arrivare a te e a tutti i volontari i miei ringraziamenti per aver saputo interpretare al meglio quel “patto” tra le Istituzioni e la società civile indicato nella legge del 1 aprile 1999. Una collaborazione che, sono sicuro, sarà in grado di farci superare al meglio tutte le sfide che ci attenderanno nei prossimi anni. Con la consapevolezza che il nostro sistema può contare su un valido alleato per incentivare nella società italiana, a diversi livelli, il valore della cultura della solidarietà sociale. Rinnovando i miei migliori auguri per il traguardo raggiunto oggi, invio a te a tutti i volontari un caloroso ringraziamento. Alessandro Nanni Costa Direttore del Centro Nazionale Trapianti
torna su