indietro

Per diventare donatori bisogna scriverlo.

Viversani & belli - Settimanale

18/06/2010
Per manifestare la volontà di donare i propri organi in caso di decesso ci si può recare all’azienda sanitaria del proprio luogo di appartenenza, in cui c’è uno sportello dedicato, oppure rivolgersi all’A.I.D.O.. «Questo è il modo più sicuro», afferma Vincenzo Passarelli, presidente A.I.D.O., «l’iscrizione viene inserita in un sistema informatico dei trapianti, che può essere consultato facilmente dai medici in caso di decesso di una persona». Altrimenti, è possibile manifestare la propria volontà di donare gli organi su un tesserino distribuito da una delle varie associazioni di malati, oppure anche su un semplice foglio di carta firmato. In questi casi, è importante che il tesserino o il biglietto vengano portati sempre con sé nel portafoglio o nella carta di identità, altrimenti la loro validità è nulla. «Il nostro consiglio – conclude Passarelli – è comunque quello di comunicare sempre in famiglia le proprie volontà, in modo che i familiari conoscano il desiderio o meno di donare gli organi del loro caro». Viversani & belli - Settimanale 18 giugno 2010
torna su