indietro

Trapianti, al Careggi di Firenze 7 donazioni di rene con robot in 48 ore

Tra interventi primo caso in Italia con donatore a cuore fermo

04/09/2017

Sette trapianti di rene con chirurgia robotica eseguiti in 48 ore: gli interventi sono stati effettuati nell'ultima settimana di agosto all'ospedale fiorentino di Careggi. In un caso si è trattato del primo trapianto in Italia di rene da donatore a cuore fermo con l'impiego di un robot. Successivamente sono stati eseguiti tre interventi dello stesso tipo e tre trapianti renali da donatore a cuore battente.

La donazione a cuore fermo è stata resa possibile grazie all'uso del sistema 'Ecmo' (extracorporeal membrane oxygenation), il supporto vitale extracorporeo in grado di sostituire temporaneamente la funzione cardiaca. Il sistema Ecmo mantiene l'ossigenazione degli organi che altrimenti si danneggerebbero irreparabilmente rendendo impossibile il trapianto. Grazie all'impiego del robot, che permette di praticare un incisione di soli sei centimetri, è stato possibile ridurre notevolmente i giorni di degenza post-operatoria per il paziente ricevente.

“Appena pochi giorni fa avevo commentato positivamente gli interventi di trapianto in chirurgia robotica eseguiti a Careggi - ha commentato l'assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi -, ora l'elenco di questi interventi si è allungato. Non posso che esprimere la mia soddisfazione per questi enormi progressi resi possibili dalla chirurgia robotica, sulla quale la Toscana ha puntato molto. Complimenti alle equipe che hanno eseguito gli interventi e soprattutto ai familiari dei donatori”.

Sono 22 i casi in cui è stata attivata la donazione a cuore fermo a Careggi, che oggi è il primo ospedale in Italia per questi interventi e l'unico che dall'ottobre 2016 ha intrapreso l'applicazione sistematica di questo preciso programma di donazione, avviato da circa due anni dal Centro nazionale trapianti e dall'Organizzazione toscana trapianti, col supporto della Regione Toscana.

 (ANSA)

torna su