« indietro

L’A.I.D.O. aggiorna l’anagrafe. Ecco il prototipo del nuovo sistema informativo.

Numero 1, marzo 2003
Un nuovo sistema informativo attraverso il quale i volontari addetti potranno aggiornare l’anagrafica dei soci, è stato presentato a Roma, in occasione della conferenza plenaria dei presidenti del 15 e 16 marzo. Tale realizzazione è già accessibile dal 17 febbraio scorso e, da allora, è stata continuamente aggiornata, come hanno potuto verificare i già molti sperimentatori. In questa prima fase di prova, l’accesso è effettuabile senza alcun filtro: è quindi sufficiente visitare il Sito www.aido.it e clickare sull’apposita icona “Accesso al S.I.A.: Sistema Informativo A.I.D.O.” posta in basso a destra. Il funzionamento è guidato ed intuitivo: sarà sufficiente prestare attenzione alle note e alle indicazioni visualizzate. Questa prima fase è molto importante perché consente di mettere alla prova il sistema, verificarne la semplicità d’uso e l’idoneità a trattare una grande mole di dati. In fase sperimentale è stata simulato un archivio di 14 milioni di nominativi: i risultati sono stati soddisfacenti… bene auguranti! È importante sottolineare che si tratta di nominativi di prova: è infatti successo che alcuni Volontari abbiano iniziato ad inserire dati effettivi: sarà nostra cura provvedere al salvataggio di essi, per la simpatia che tale impegno merita! A regime, i nominativi dei soci saranno automaticamente trasmessi al “sistema gemello”del Centro Nazionale Trapianti col quale sarà instaurato un costante scambio di dati. Con un po’ di innocente e legittimo orgoglio, ci piace pensare che, a regime, disporremo della più ampia base dati comune presente sul territorio nazionale: sicuramente una delle maggiori d’Europa, per quanto riguarda il Mondo del Volontariato. È evidente che il fondamentale ruolo dei Volontari diventa delicatissimo, con precise responsabilità che coinvolgono sia la Persona sia ’Associazione. L’intero sistema si basa su Internet: è quindi necessario che tutti i Volontari e i Responsabili A.I.D.O. di ogni livello abbiano un proprio indirizzo e-mail riservato e protetto da parole chiave segrete per l’accesso alla casella di posta elettronica. I Volontari potranno inviare segnalazioni e suggerimenti ai Tecnici che sviluppano il sistema: sarà sufficiente clickare sull’apposita riga posta in alto per inviare un messaggio di posta elettronica. Non è prevista alcuna forma di comunicazione telefonica: è facile immaginare cosa succederebbe se migliaia di Volontari iniziassero a chiedere informazioni! Le note informative utili e necessarie saranno disponibili sempre tramite Internet. La costante evoluzione propria del sistema consiglia di prenderne visione diretta sul sito. Chi preferisse stamparle, dovrà porre attenzione alla data posta sulle note stesse, al fine di verificarne l’aggiornamento. L’evoluzione del S.I.A. e i tempi di attivazione in effettivo saranno decisi in base alle esigenze e alle indicazioni che perverranno dalle Strutture periferiche. Per quanto riguarda la copertura delle spese (una tale realizzazione comporta costi proibitivi, anche per organizzazioni “ricche” e con disponibilità finanziarie ben più ampie delle misere risorse A.I.D.O.) sono in corso trattative con alcune Fondazioni bancarie che hanno espresso disponibilità ad appoggiare la nostra iniziativa. Al momento stiamo approfittando della disponibilità dell’azienda a cui è affidata la realizzazione e la gestione dell’intero sistema. Confidiamo, con l’aiuto e l’entusiasmo di tutti, di poter arrivare alla prossima assemblea nazionale con un Sistema Informativo di cui essere fieri, perfettamente integrato con il Centro Nazionale Trapianti.
(Gabriele Ravaioli)
torna su