« indietro

Il valore della donazione - Andrea Camilleri

Numero 1, maggio 2004
“Se si fa bene a donare? Lei mi chiede se è una scelta giusta quella di donare gli organi? E come si può dubitarne.....Io la trovo una domanda assurda, cui la risposta non può che essere scontata. Cosa c'è da dire...... Il fatto che un corpo senza vita possa ancora servire a dare la vita io lo trovo una delle più appaganti conquiste dell'uomo. Deve essere una scelta volontaria, presa in piena autonomia, fatta da noi quando siamo in grado di decidere o da qualcuno altro in nostra vece quando non lo siamo più. Mi pare ovvio, naturale, nell'ordine delle cose naturali. Che cosa c'è da dire? Per chi ha ispirazione all'immortalità, poi, può essere perfino una cosa meravigliosa.... Dare agli altri un cuore, sapere che può battere, che può continuare a battere nel petto di un altro è una conquista della scienza ma è soprattutto una grande prova di umanità, un grande fato di civiltà”.

Andrea Camilleri, Scrittore (raccolta da Eugenio Manca)
torna su