« indietro

Il valore della donazione - Paola Saluzzi

Numero 1, marzo 2000
“Essere iscritta all'Aido non mi fa sentire più buona o più speciale; mi fa sentire più utile.
Utile a chi per me non avrà mai un volto, utile alla mia stessa vita sapendo che ha un valore"raddoppiato".
Abbiamo così paura di morire da non riuscire a pensare che un modo per vivere ancora esiste davvero.
Iscriversi? E' l'idea migliore che ci possa passare per la testa, e per il cuore.
Iscriversi all'Aido non vuol dire cominciare il conto alla rovescia verso la nostra fine, vuol dire essere persone degne di guardare negli occhi chi attende un trapianto, in silenzio, e trovare in quegli occhi un po' di noi”.

Paola Saluzzi, Presentatrice
torna su