« indietro

Il valore della donazione - Daniele Masala

Numero 4, dicembre 1999
“Penso a colui che ha nascosto per tutta la vita i suoi averi sotto la mattonella, in gran segreto, così che alla sua morte nessuno ne fruirà mai.
Chi ha la fortuna di possedere una dote dovrebbe gioire nel pensare che un giorno un'altra persona ne potrà godere.
La donazione è un trasferimento di beni che comunque non saremmo più in grado di utilizzare.
Non un trasferimento di beni spirituali.
Chi lo sostiene mi fa solo sorridere perchè mi ricorda alcune popolazioni primitive attuali che fuggono davanti alla macchina fotografica per il timore che gli venga rubata l'anima.
Sarò entusiasta di lasciare la mia dote: il mio cuore d'atleta e quanto altro possa servire”.

Daniele Masala, Atleta
torna su