« indietro

Una “banca” per la sicurezza dei trapianti.

Numero 4, dicembre 2012
Il Centro nazionale trapianti designato "collaborating centre" dell'Oms nel campo della vigilanza e sorveglianza di cellule, tessuti e organi di origine umana e utilizzati per scopi terapeutici.
Il 14 novembre scorso ha preso il via ufficialmente il primo database mondiale, denominato 'Notify Library', (www.notifylibrary.org) sugli eventi e reazioni avverse nei trapianti d'organi, tessuti e cellule. L'annuncio a Roma in occasione del meeting internazionale sulla sicurezza nei trapianti, promosso dall'Organizzazione Mondiale della Sanita' (OMS) in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti (CNT). Notify Library e' la prima 'biblioteca digitale', di pubblica consultazione, che raccoglie circa 2.000 pubblicazioni scientifiche sugli eventi e reazioni avverse in seguito a trapianto di organi, tessuti e cellule. La Notify Library, coordinata dall'OMS e sviluppata dal CNT, nasce dalla collaborazione di oltre 150 medici, scienziati e rappresentanti istituzionali di 40 diverse nazioni con l'intento di realizzare il primo database mondiale in grado di riunire l'esperienza sugli eventi e le reazioni avverse nei trapianti. Cinque i gruppi di lavoro: infezioni, tumori, genetica, donazioni da vivente e lavorazione. Le fonti utilizzate sono pubblicazioni scientifiche e report dei sistemi di vigilanza dei vari Paesi.La realizzazione di questa 'biblioteca digitale', rappresenta un concreto passo avanti per promuovere la sicurezza e la qualita' nelle procedure di donazione e trapianto a livello mondiale''.

Al Centro nazionale trapianti è stato assegnato, per i primi cinque anni, il compito di "collaborating centre" dell'Oms nel campo della vigilanza e sorveglianza di cellule, tessuti e organi di origine umana e utilizzati per scopi terapeutici. Spetterà ad Alessandro Nanni Costa, direttore del Cnt, guidare e coordinare le attività di collaborazione con l'Oms. Tra queste, la realizzazione di un database per la Notify Library che raccolga i casi riportati in letteratura degli eventi avversi, secondo le indicazioni emerse negli incontri di Bologna e Ginevra, quando tra 2010 e 2011 furono poste le basi dell'intero progetto. Fu la 63ma Assemblea mondiale dell'Oms a dar mandato all'Organizzazione stessa, nel maggio 2010, di «facilitare l'accesso degli Stati membri a informazioni adeguate sulla donazione, lavorazione e trapianto di cellule, tessuti e organi di origine umana, inclusi i dati sugli eventi e le reazioni avverse gravi». In seguito a questa risoluzione, l'Oms, il Cnt e il progetto europeo "Soho V&S" hanno messo insieme le forze per realizzare "Notify", coinvolgendo esperti internazionali nel coordinamento di 10 gruppi di lavoro chiamati a raccogliere dati relativi al proprio settore di competenza.
torna su