indietro

“Ricucire la vita”.

Il nuovo libro di Ugo Riccarelli.

18/10/2011
All’inizio Ugo Riccarelli non avrebbe voluto scrivere questo libro, un libro che in qualche modo lo porta a rivivere la sua condizione di trapiantato e a ripercorrere i meandri inconsci, un po’ scomodi e spesso insicuri, di quel territorio dai confini incerti che, soprattutto nei casi come il suo, sta tra la malattia e la guarigione. Poi l’incontro con un centro d’eccellenza, l’Ismett di Palermo, diretto dal professor Bruno Gridelli, e la scoperta che anche da noi, all’interno della nostra controversa sanità, è possibile trovare quello che una volta esisteva solo all’estero, l’hanno convinto a ridare voce alle molte storie che gravitano attorno a una condizione estrema come quella dei trapianti. Le vicende legate ai trapianti sono testimonianze incredibili di vita, un affascinante intreccio di sofferenza e allegria, di speranza e delusione, di fortuna e volontà, di molta di quella sostanza complessa che, come si può intuire, compone la materia di cui è fatta la vita degli uomini. Ma sono anche un territorio poco esplorato, e forse la premessa indispensabile per percorrerlo è capire che cos’è un trapianto: non il frutto del lavoro di un chirurgo, ma una storia complessa in cui converge un’incredibile quantità di conoscenze, di variabili, di opportunità, di organizzazione, della quale l’operazione chirurgica è solo l’atto finale. Tutto questo ci racconta Ugo Riccarelli in “Ricucire la vita”, grande libro nel quale le storie dei singoli si intrecciano in un’unica grande storia che esplora il senso della vita stessa. “Ricucire la vita” di Ugo Riccarelli. Piemme, 2011 Collana: Piemme voci Pagine: 137
torna su