indietro

"LA TINTARELLA" RIDUCE IL RISCHIO RIGETTO

In uno studio pubblicato su Nature Medicine la scoperta che l'esposizione ai raggi ultravioletti riduce il rischio di rigetto dopo un trapianto.

20/04/2004
Raggi ultravioletti per ridurre il rischio di rigetto dopo un trapianto. A promuovere la 'tintarella artificiale' e' uno studio internazionale, condotto sui topi, pubblicato su Nature Medicine da Miriam Merad della Mt. Sinai School of Medicine (New York). I ricercatori hanno scoperto che l'esposizione agli UV dopo il trapianto di midollo osseo evita che le difese immunitarie attacchino i tessuti trapiantati. Per questo gli studiosi suggeriscono di introdurre 'unita' per l'abbronzatura all'interno dei reparti dove si effettuano trapianti. Una novita' che ''potrebbe permettere di ridurre la percentuale di pazienti colpiti da reazioni di rigetto: attualmente del 30-50%''. I dati, raccolti in collaborazione con altri atenei, rivelano che i raggi UV uccidono le cellule di Langerhans, che danno il via alle risposte immunitarie contro i tessuti estranei. Questo elimina le reazioni immunitarie cutanee successive al trapianto di midollo osseo, un insieme di disturbi generalizzati scatenati dalla presenza di proteine estranee. In seguito a questo processo, infatti, si scatena il rigetto del tessuto estraneo. Anche altri organi, come il fegato e l'intestino, vengono 'colonizzati' da proteine provenienti dal tessuto trapiantato, ma le reazioni immunitarie che provocano sono molto piu' deboli di quelle cutanee. Dallo studio e' emerso che i topi trattati con gli UV dopo il trapianto avevano meno rischi di rigetto.
torna su