indietro

"UN DONO DENTRO DI ME"

Una lettera per dire grazie a chi gli ha restituito la vita.

03/03/2003
Il 2 marzo 2002 Paolo Succhiarelli di Pistoia, veniva sottoposto a trapianto di polmoni nella clinica londinese di Harefield, dall'èquipe chirurgica del professor Pagani. Paolo, che oggi ha 25 anni, tratteggia le tappe fondamentali della sua vita: quindici anni sulla sedia a rotelle e sei anni in lista d'attesa nella clinica diretta dal professor Jackub, di origine egiziana, a cui la vita di Paolo era stata affidata fin da quando era bambino. LONDRA - Ciao, sono Paolo, e nell'anniversario del mio trapianto volevo rendervi partecipi della mia gioia ed esprimere alcune considerazioni sulla mia nuova vita. Ripensando a questi ultimi mesi credo che la vita per me sia veramente cambiata. Ora posso stare in piedi, sto imparando molto lentamente a camminare, ma soprattutto sto facendo tanta fisioterapia per restituire forza e vigore a questo corpo che è stato per quindici anni su una sedia a rotelle.Ma la cosa più straordinaria è che adesso riesco a fare qualsiasi cosa senza provare fatica e affanno, e mi sto riappropriando dei miei piccoli ma importanti interessi come scrivere, leggere e suonare, ma soprattutto sto progettando di continuare gli studi interrotti per la malattia, sarebbe un bel traguardo che vorrei raggiungere. La vita per me diventa ogni momento più piacevole poiché la fiducia di affrontare le cose sta aumentando di giorno in giorno e mi piace lasciare il passato alle spalle e andare incontro alla vita in modo positivo. Tutto questo grazie ad un grande gesto d'amore, di un fratello che lasciandoci ha voluto donare parte del suo corpo per restituire a me e ad altri, la vita. Oggi io vivo anche per lui! Vivo soprattutto tenendo a mente il dono prezioso che è dentro di me. Oggi ho un desiderio, appena posso voglio tornare in Italia, nella mia città per rivedere parenti ed amici e ritrovare tutto quello che ho lasciato sei anni fa. Vi saluto, a presto. Paolo Succhiarelli
torna su