indietro

27-28 SETTEMBRE: UN ANTHURIUM PER L'INFORMAZIONE

Seconda giornata nazionale AIDO di informazione e autofinanziamento e festeggiamento dei 30 anni di costituzione.

14/09/2003
30 anni fa, il primo trapianto. Oggi, ogni anno 2.700 trapianti. Ma è ancora poco. Sono 10.630 le persone in attesa di un trapianto. Si può fare di più con una corretta informazione. Sabato 27 e Domenica 28 settembre p.v. si svolgerà la seconda giornata nazionale di informazione e autofinanziamento, promossa dall'Associazione italiana per la donazione di organi e tessuti (AIDO). I volontari dell'AIDO saranno presenti in 756 piazze e centri commerciali per incontrare i cittadini e dare loro informazioni sulle problematiche relative alla donazione e al trapianto di organi e tessuti. Nel corso della manifestazione si festeggerà la ricorrenza del trentennale di fondazione dell'AIDO (Bergamo 1973), e sarà venduta una piantina di Anhturium andreanum, il cui ricavato sarà finalizzato a ulteriori campagne informative. Testimonial della giornata la presentatrice televisiva Paola Saluzzi, iscritta all'AIDO dal 1996. Il presidente nazionale dell'AIDO, dottoressa Enza Palermo, nel presentare l'iniziativa ha dichiarato:" Trent'anni sono passati dalla costituzione del primo nucleo di volontari, a Bergamo, trent'anni in cui i volontari hanno raccolto adesioni (1.141.346), stimolato riflessioni, coinvolto strutture mediche e scolastiche. Oggi la legge n. 91 del 1999 riconosce all'Aido il ruolo di coautore per iniziative delle Istituzioni volte all'educazione sanitaria e alla promozione della donazione. La donazione degli organi è una libera scelta ma lo Stato - proprio avvalendosi dei volontari di acclarata e riconoscibile autorevolezza - deve fare chiarezza. Spiegare con semplicità la complessa organizzazione del sistema trapianti: trasparenza in ogni passaggio anche burocratico, massima libertà di opinione, promozione della cultura della donazione e informatizzazione dei dati relativi alla dichiarazione di volontà. A tutto ciò l'Aido prende parte oramai da diversi anni." (vipas)
torna su