indietro

Alle Molinette il primo trapianto di rene pre-dialisi.

La paziente è una ragazza di 29 anni affetta da glomerulonefrite. Finora si interveniva solo dopo lunghi periodi di dialisi

20/06/2014
Primo trapianto di rene pre-dialisi all'ospedale Molinette di Torino. L'intervento è stato eseguito su una ragazza di 29 anni di Torino affetta da glomerulonefrite, in procinto di iniziare la dialisi, ora trapiantata con un buon decorso postoperatorio. Il trapianto pre-dialisi, possibilità che si è aperta in Piemonte come già in Toscana, è un programma di trapianto preventivo, cioè prima che il paziente debba cominciare la dialisi, da donatore deceduto. L'operazione è stata effettuata dal chirurgo vascolare Piero Bretto e dall'urologo Omid Sedigh. Grazie all'attività della Rete nefrologica piemontese che, caso unico in Italia, può contare in tutte le strutture del territorio di uno specifico ambulatorio per la malattia renale avanzata, di un ambulatorio trapianti e di un supporto sia psicologico che dietologico, alle Molinette si è stati in grado di avviare dal primo giugno l'attività di trapianto preventivo che offre vantaggi dal punto di vista della riuscita del trapianto, dell'aspettativa di vita del paziente ed evitare un periodo di dialisi disagevole per il paziente. Per poter inserire in tempo i pazienti in lista trapianti la Regione ha varato un percorso di sorveglianza dei soggetti in malattia renale avanzata che censisce tutte le persone con gravi problemi renali e le indirizza, ove possibile, precocemente alla lista d'attesa oltre a promuovere la donazione da vivente, un programma ha visto la partecipazione attiva di tutta la rete nefroIogica della Regione Questo evento si inserisce in un periodo di attività molto intensa per il Centro Trapianti renali diretto da Luigi Biancone: negli ultimi 14 giorni sono stati eseguiti ben 11 trapianti da cadavere mentre altri 6 pazienti, candidati ad essere trapiantati a Torino, sono invece stati inviati al Centro Trapianti di Novara che lavora in stretta collaborazione con quello torinese. (Torino.Repubblica.it/)
torna su