indietro

ARRIVA A FIRENZE CON 31* STORMO BIMBA ARGENTINA PER TRAPIANTO

Solo nel primo semestre del 2007 sono state oltre 800 le ore di volo effettuate dall’Aeronautica Militare a favore della collettivita’, per missioni di trasporto sanitario.

21/08/2007
Rientrera’ a Firenze il 22 agosto il Falcon 900 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare proveniente da Buenos Aires con a bordo una bimba di appena 23 mesi in attesa di un trapianto di cuore urgente. La piccola, figlia di una coppia italo-argentina, e’ stata colpita da una grave crisi respiratoria mentre era in Argentina con i genitori; ricoverata presso il Centro di Terapia Intensiva Cardiovascolare dell’”Hospital de Ninos” di La Plata (Buenos Aires) le e’ stata riscontrata una insufficienza cardiaca acuta congenita mai diagnosticata prima, con la conseguente necessita’ di trapianto urgente di cuore quale unica possibilita’ terapeutica. Da qui l’esigenza di un trasporto sanitario d’urgenza in Italia, organizzato in tempi rapidi attraverso il coordinamento tra la Prefettura di Arezzo - la bimba vive infatti con la famiglia in un comune della provincia aretina - le Autorita’ diplomatiche italiane in Argentina, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, competente per questo genere di missioni a carattere umanitario, e la Sala Situazioni dello Stato Maggiore dell’Aeronautica. Il Falcon del 31° Stormo, partito da Ciampino domenica 19 agosto alla volta di Buenos Aires con a bordo un’equipe medica composta da personale della Asl 8 di Arezzo, e’ atteso di nuovo in Italia, all’aeroporto Peretola di Firenze, domani mattina. Da li’ la bimba, che per tutto il viaggio aereo rimarra’ costantemente attaccata agli ausili per la respirazione e sotto costante assistenza medico-pediatrica, verra’ trasferita all’ospedale “Meyer” di Firenze dove verra’ sottoposta alle cure del caso. Un’attivita’, quella dei trasporti umanitari e sanitari, che l’Aeronautica Militare svolge ogni giorno, 24 ore su 24, principalmente attraverso il 31° Stormo di Ciampino, con velivoli Falcon 50 e Falcon 900, e la 46° Brigata Aerea di Pisa con i C-130J, velivoli in grado di trasportare apparecchiature ed autoambulanze nonche’ pazienti colpiti da patologie altamente infettive. Solo nel primo semestre del 2007 sono state oltre 800 le ore di volo effettuate dall’Aeronautica Militare a favore della collettivita’, per missioni di trasporto sanitario d’urgenza di vario tipo come quelli di persone fortemente traumatizzate o in imminente pericolo di vita, trasporto di organi e/o equipe mediche per espianti/trapianti, pazienti sottoposti a trapianti d’urgenza, etc. Nel 2006 erano stata effettuate circa 1600 ore di volo per missioni di tipo sanitario a favore di circa 500 pazienti e 600 equipe mediche. Il 20 per cento di tale attivita’ e’ stata svolta a favore di connazionali che si trovavano all’estero. (vipas)
torna su