indietro

Aspetti bioetici della chirurgia estetica e ricostruttiva.

Il documento del Comitato Nazionale di Bioetica.

06/07/2012
Il 5 luglio scorso è stato pubblicato il Parere del Comitato Nazionale per la Bioetica sugli aspetti bioetici della chirurgia estetica e ricostruttiva, votato nella seduta plenaria del 21 giugno scorso. Nella prima parte del documento, il CNB riflette sui limiti della legittimità di richieste di chirurgia estetica in specie nel rapporto che intercorre tra il paziente e il medico, nel contesto della discussione sui molteplici fattori etici, sociali e culturali che influiscono sulla mutazione di atteggiamento nei confronti del corpo e di una dilatazione del concetto di salute in senso soggettivo. Il Comitato ritiene, che vada promossa una adeguata informazione e formazione sociale sui rischi e benefici degli interventi estetici e auspica un maggiore rigore nella formazione e professionalità del chirurgo estetico, mirata anche alla comprensione degli aspetti psicologici ed etici connessi alla specifica attività medica. Nella seconda parte del documento si affrontano i problemi bioetici emergenti nella chirurgia ricostruttiva. Il CNB ritiene che tali interventi, seppur non indispensabili per la sopravvivenza del paziente e sebbene ancora terapeutico-sperimentali, siano eticamente giustificabili, subordinatamente ad una attenta valutazione dei rischi e dei benefici, rapportabili ad una considerazione generale del miglioramento della qualità della vita del paziente. É necessaria una adeguata consulenza anticipata rispetto all’intervento e prolungata nel tempo (anche allargata alla famiglia), a causa delle complesse problematiche che coinvolgono rischi e benefici, accompagnata da un costante monitoraggio psicologico del ricevente. Il paziente deve essere informato accuratamente ed esaustivamente dei rischi e della gravosità delle terapie antirigetto per la sua salute e del fatto che in ogni caso si determinerà una situazione di dipendenza da questi farmaci (con possibili esiti negativi) che potrebbe durare anche tutta la vita. Il CNB raccomanda campagne di sensibilizzazione per la donazione degli organi esterni e dei tessuti, così come in genere avviene per la donazione di quelli interni. Si auspica anche, in questo contesto, la possibilità di una integrazione normativa che preveda il consenso o dissenso “parziale” alla donazione degli organi esterni. In allegato il testo del documento.
torna su