indietro

BERGAMO: CONSEGNATE LE PRIME TRANSPLANT CARD

Ospedali Riuniti: le prime card ai pazienti che hanno fatto storia.

10/05/2009
Sono state consegnate nella Sala ex Consiliare di Via Tasso le prime 7 Transplant card ad altrettanti pazienti trapiantati agli Ospedali Riuniti di Bergamo. A ricevere la tessera contenente tutte le informazioni sanitarie e i contatti del centro trapianti di riferimento c’era anche Savino Fusaro. Fusaro ha 60 anni e vive con un cuore nuovo da 23, quando nella notte del 22 novembre del 1985 Paolo Ferrazzi eseguì il secondo trapianto di cuore nella storia degli Ospedali Riuniti. Ma in platea a ricevere le prime Transplant card, c’era un po’ tutta la lunga storia dei trapianti tracciata dagli Ospedali Riuniti dal 1985, anno di inizio dei programmi nell’ospedale di Bergamo. Oltre al signor Fusaro, ha ritirato la propria tessera anche il primo bambino trapiantato di intestino in Italia nel 2006, la prima trapiantata di rene e pancreas nel 2008 e la prima trapiantata di polmone nel 2004. Accanto a questi “pionieri”, che ormai da diversi anni vivono con un organo nuovo, c’erano anche pazienti “più giovani” trapiantati nei primi mesi del 2009. La Transplant Card sarà consegnata anche a tutti gli altri pazienti già trapiantati nel centro di Bergamo e a tutti quelli che lo saranno in futuro. Si tratta di una tessera, delle medesime dimensioni di una carta di credito, che riporta i dati anagrafici e sanitari essenziali, in lingua inglese, utili in caso di emergenza, come il gruppo sanguigno, la terapia immunosoppressiva che il paziente sta seguendo e il numero di telefono del centro trapianti di riferimento. “Voi siete la dimostrazione che i trapiantati oggi conducono una vita assolutamente normale, praticano sport, viaggiano, svolgono lavori impegnativi – ha dichiarato Carlo Bonometti, Direttore Generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo, rivolgendosi ai partecipanti alla cerimonia -. Per questo abbiamo deciso di creare uno strumento semplice ma molto utile in caso d’emergenza, perché in grado di informare i soccorritori sulla storia clinica e fornire con chiarezza i contatti del Centro trapianto di riferimento. Siamo il primo ospedale a promuovere una tessera di questo tipo e ne siamo fieri.” vip
torna su