indietro

Bergamo: terzo trapianto multiviscerale.

Protagonista una bambina emiliana di 9 anni con una severa malattia che limitava drasticamente la motilità intestinale e una cirrosi epatica ormai in fase avanzata.

07/09/2009
Nella seconda settimana di agosto è stato eseguito il terzo trapianto multiviscerale dei «Riuniti». Protagonista una bambina emiliana di 9 anni con una severa malattia che limitava drasticamente la motilità intestinale e una cirrosi epatica ormai in fase avanzata. Alla piccola sono stati trapiantati lo stomaco, l'intestino, il fegato, il pancreas e la milza. L'intervento, affidato a Michele Colledan e alla sua équipe, è durato all'incirca sette ore e la bimba, dopo un periodo di degenza nella Terapia intensiva pediatrica diretta da Daniela Codazzi, è ora ricoverata nell'Unità di Epatologia, Gastroenterologia e Trapianti pediatrci, diretta da Lorenzo D'Antiga che l'ha seguita in tutto il suo percorso ospedaliero. La bambina ha così ritrovato il sorriso: si alimenta regolarmente e nelle prossime settimane potrà fare ritorno a casa. Michele Colledan e la sua équipe sono stati i primi in Italia ad eseguire un trapianto multiviscerale pediatrico nell'ottobre del 2006 e oggi i «Riuniti» sono l'unica struttura in Italia autorizzata dal ministero della Salute per eseguire questo genere di trapianti.
torna su