indietro

CAMPAGNA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE DEL DIABETE

"Prevenire il diabete, una scelta di vita" lo slogan e per chi ne vuole sapere di più un sito:www.campagnadiabete.it

14/11/2004
E' stata presentata a Roma, presso la sede del Ministero della Salute la campagna nazionale per la prevenzione del diabete 2004-2005 "Prevenire il diabete, una scelta di vita". L'iniziativa è stata realizzata in collaborazione con le associazioni più rappresentative del mondo del volontariato (Fand, Fdg, Aid, Aniad) e le società scientifiche (Sid e Amd). La campagna prenderà il via il 14 novembre in occasione della celebrazione della Giornata nazionale del diabete. Per i malati sarà a disposizione un sito Internet www.campagnadiabete.it. Le attuali conoscenze scientifiche indicano proprio negli stili di vita sbagliati l'incidenza di alcune patologie: il tabagismo, l'abuso di alcol, l'alimentazione scorretta o eccessiva e la scarsa attività fisica possono, infatti, predisporre al rischio cardiovascolare, a tumori, osteoporosi e diabete. Il diabete è una malattia di elevato impatto sociale e alti costi sanitari. Nel mondo sono circa 170 milioni le persone affette da questa patologia ed il loro numero è destinato a crescere nei prossimi anni soprattutto tra la popolazione con oltre 40 anni. In Italia sono oltre 2 milioni gli individui affetti da diabete (il 9% degli uomini e il 6% delle donne), un altro 9% degli uomini e il 5% delle donne sono a rischio perché intolleranti al glucosio. Sono inoltre molti gli individui che ne soffrono senza saperlo (la glicemia alta non da dolori né disturbi e si può quindi essere diabetici per anni senza saperlo). Ma le cifre sono sicuramente sottostimate. Secondo gli esperti, inoltre, il diabete se non trattato adeguatamente può comportare conseguenze anche invalidanti. Oggi anno più di 70mila ricoveri per diabete sono causati principalmente dalle sue complicanze che coinvolgono il sistema cardiovascolare, la retina, i reni, il sistema nervoso periferico determinando una perdita di durata e di qualità della vita. Il 90% dei diabetici risulta affetto da diabete di tipo 2 (quello tipico dell'età adulta) dovuto all'incapacità dell'organismo di produrre una quantità adeguata di insulina, che può essere prevenuto e controllato adottando stili di vita salutari. Ecco perché è importante informare correttamente e sensibilizzare sui comportamenti e le soluzioni più adatte a tutelare e mantenere lo stato di salute, in modo da ridurre l'incidenza del diabete di tipo 2 e delle sue complicanze. A tal fine nelle principali piazze italiane, su autobus, autostrade, stazioni ferroviarie e farmacie verrà affisso e distribuito materiale informativo; verrà inoltre realizzato uno spot televisivo e un sito internet (www.campagnadiabete.it); inoltre in oltre 300 presidi diabetologici verrà offerta consulenza medica qualificata e screening sul diabete. (vipas)
torna su