indietro

CELLULE STAMINALI CONTRO IL RIGETTO

I ricercatori dei vari Centri finanziati dal Comitato Negri - Weizmann, in un incontro svoltosi a Milano, hanno dato conto del lavoro svolto nell'ultimo anno.

16/06/2002
L'obiettivo è arrivare a mettere da parte i farmaci antirigetto nel trapianto di organi, utilizzando le cellule staminali. Se ne è parlato nei giorni scorsi a Milano nel corso della presentazione dei primi risultati della ricerca biomedica condotta dall'Istituto Mario Negri, dall'Istituto Weizmann, dal Pasteur e dall'Ospedale Necker di Parigi. La ricerca è finanziata dal Comitato Negri-Weizmann. Da oltre 10 anni il Comitato, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove iniziative musicali per raccogliere fondi a sostegno della ricerca biomedica. Il Prof. Giuseppe Remuzzi, coordinatore del Laboratorio Mario Negri di Bergamo, ha illustrato il progetto per stabilire la potenzialità delle cellule staminali del donatore, in presenza di un breve trattamento immunosoppressivo, nell'indurre tolleranza al trapianto di tessuti e organi in modelli animali. "Per ora - ha dichiarato il Prof. Remuzzi - si stanno ottimizzando le modalità tecniche di isolamento e caratterizzazione delle cellule staminali. In parallelo, si stanno sviluppando strategie farmacologiche di breve durata per permettere l'attecchimento, nel ricevente, del maggior numero di cellule staminali del donatore".
torna su