indietro

CENTRI TRAPIANTO DI CUORE, POLMONE E INTESTINO: LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA'

I risultati sul sito del Ministero della salute (www.ministerosalute.it/trapianti)

28/06/2004
Valutazione della qualità, attività 2000-2002: cuore, polmone, intestino Sono stati diffusi in questi giorni i risultati dell'attività dei Centri trapianto di cuore, di polmone e di intestino attraverso il sito del Ministero della Salute alla sezione dedicata ai trapianti (www.misterosalute.it/trapianti) I dati dei Centri fanno riferimento al triennio 2000-2002 e rappresentano il confronto dei risultati dell'attività di trapianto svolta in Italia con i dati internazionali e con i risultati ottenuti negli anni precedenti. Sono inoltre riportati la descrizione dell'attività dei centri, la valutazione dei risultati in termini di sopravvivenza dell'organo e del paziente e i risultati di ciascun centro a parità di rischio, riassunti in una tabella "normalizzata". I dati riguardanti la qualità del trapianto di cuore confermano il trend positivo degli interventi eseguiti nel nostro Paese e l'efficienza di tutti i Centri. Il confronto con i registri internazionali mostra che la sopravvivenza ad un anno dell'organo e del paziente ha raggiunto ormai una percentuale pari al'83,9, di poco inferiore a quella dell'Organizzazione Internazionale degli Stati Uniti. Significativo anche il confronto con i risultati ottenuti negli anni a livello nazionale dove si evidenzia un trend positivo di crescita che nel 2002 ha raggiunto l'86,1% per la sopravvivenza dell'organo e del paziente. Per quanto riguarda il trapianto di polmone, il confronto con i dati internazionali evidenzia una sopravvivenza del paziente del 61,8% contro il 77,2% dell'Organizzazione Nazionale degli Stati Uniti (UNOS), ed il 70,0% di Euro Transplant (ET). Per la prima volta sono inoltre pubblicati i risultati dell'attività di trapianto di intestino, che si riferiscono al Centro Trapianto di Modena negli anni 2000-2003 e al Centro Trapianto di Bologna nel 2004. Tra i dati pubblicati, anche il confronto internazionale sulla sopravvivenza ad un anno del paziente e dell'organo dopo il trapianto, di intestino isolato e di intestino e fegato insieme.
torna su