indietro

CORDONE OMBELICALE: VERSO LA RACCOLTA AUTOLOGA?

Votato l'emendamento in Commissione affari sociali. Il Centro Nazionale Trapianti provvederà alla gestione del registro internazionale e alla distribuzione delle cellule staminali cordonali per trapianto. Il comunicato della Ministra Turco.

27/11/2007
È stato votato oggi in Commissione Affari Sociali l'emendamento per autorizzare la raccolta autologa del cordone ombelicale da parte di strutture pubbliche o private, accreditate e convenzionate con il Centro Nazionale Trapianti, d'intesa con il Centro Nazionale Sangue. L'emendamento è stato votato all'unanimità con il parere favorevole del governo."Esprimo la mia piú grande soddisfazione per il voto unanime che abbiamo espresso in Commissione oggi approvando questo emendamento", ha affermato la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera Dorina Bianchi. La raccolta autologa del cordone ombelicale non prevede oneri per il Servizio sanitario nazionale ed avviene previo consenso alla donazione del cordone per uso eterologo in caso di richiesta da parte del paziente compatibile. Sarà il Centro Nazionale Trapianti a gestire il registro internazionale e lo stesso provvederà alla distribuzione delle cellule staminali cordonali per trapianto in base ad un apposito regolamento che dovrà essere emanato entro sei mesi dall'entrata in vigore della finanziaria."Con questo provvedimento", ha aggiunto l'On. Dorina Bianchi, "speriamo che venga accelerato l'iter di approvazione del disegno di legge presentato lo scorso anno in materia di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. Sarebbe davvero un ulteriore passo avanti dopo le scoperte degli ultimi giorni riguardo alla possibilità di produrre cellule staminali embrionali senza produrre e distruggere embrioni" . Ministero della Salute UFFICIO STAMPA CONSERVAZIONE AUTOLOGA CORDONE OMBELICALE Turco: risultato importante. Garantite qualità e sicurezza Il Ministro Livia Turco esprime soddisfazione per l’approvazione in Commissione Affari Sociali della Camera dell’emendamento alla finanziaria sul cordone ombelicale, che prevede la possibilità della conservazione autologa senza oneri a carico del SSN nelle strutture pubbliche e accreditate. “E’ un risultato importante - ha sottolineato il Ministro Livia Turco - un risultato positivo del lavoro comune tra Parlamento e Governo, da me auspicato fin dalla presentazione dell’ordinanza del 4 maggio scorso sul cordone ombelicale. Per la prima volta, correggendo la precedente ordinanza Sirchia, avevo infatti previsto la possibilità per le donne di conservare il proprio cordone per uso autologo e avevo sollecitato il Parlamento a provvedere con atto legislativo a normare quanto indicato nell’ordinanza stessa. Per quanto riguarda la possibilità di conservazione autologa anche nei centri privati, sono lieta che siano stati garantiti i principi e i valori da me espressamente richiamati, in quanto l’emendamento approvato prevede che i centri privati siano accreditati e convenzionati con il Centro Nazionale Trapianti, d’intesa con il Centro Nazionale Sangue, rispettando i requisiti di qualità e sicurezza previsti dal decreto legislativo 191 del 2007, che recepisce la direttiva europea. Trovo inoltre confermata nell’emendamento approvato la necessità di collegare la conservazione autologa del cordone al consenso alla sua donazione per uso eterologo in caso di richiesta da parte di un paziente compatibile. Rimango quindi stupita - ha concluso - delle dichiarazioni inutilmente polemiche dell’On. Poretti, che non oscurano comunque il valore di questa decisione voluta unanimemente dalla Commissione Affari Sociali della Camera, con il pieno appoggio del governo”. (vipas)
torna su