indietro

DIALIZZATO SI TUFFA A MARECHIARO

In attesa di un trapianto di rene da sei anni, si getta in acqua con i tuffatori "storici".

02/01/2003
Si può diffondere un messaggio importante come quello della donazione degli organi anche facendo un tuffo nelle acque gelide di Marechiaro di un umidissimo Capodanno. E quanto hanno fatto i trentacinque tuffatori, capitanati da Mario De Luise, di anni 83, che ogni anno come gesto, tra lo scaramantico ed il beneaugurante, si immergono a mare sfidando qualunque tipo di condizione atmosferica. Quest'anno inoltre a sfidare il clima invernale a Posillipo c'era anche Giovanni Tuccillo, 42 anni dializzato che da sei è in attesa di un trapianto di rene. "Il mio è stato un tuffo per la vita e un gesto di speranza - ha spiegato Tuccillo a chi gli chiedeva il motivo della sua partecipazione alla sfida - sono convinto che qualunque mezzo è giusto per sensibilizzare l'opinione pubblica intorno alla delicata questione dei trapianti e della donazione degli organi". E così anche una competizione non sportiva, come il tuffo di Capodanno, che è in sè un una manifestazione di vitalità e gioia di vivere, può trasformarsi in un utile strumento di sensibilizzazione.
torna su