indietro

DON GNOCCHI SARA' BEATO

Il Papa ha autorizzato la promulgazione del decreto che attribuisce un miracolo all'intercessione del papà dei mutilatini. Il 30 novembre 2002 l'AIDO e gli Alpini consegnarono a Giovanni Paolo II Padre le due suppliche per il processo di beatificazione di Don Gnocchi.

18/01/2009
La notizia che la Fondazione Don Gnocchi attendeva da tempo è arrivata sabato 17 gennaio 2009. Il Papa, Benedetto XVI, incontrando in udienza in Vaticano il prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, ha autorizzato la pubblicazione del decreto che attribuisce a don Carlo Gnocchi il miracolo che ha visto protagonista, il 17 agosto 1979, Sperandio Aldeni purtroppo recentemente scomparso - artigiano elettricista di Villa D'Adda (BG) rimasto incredibilmente vivo dopo un terrificante infortunio sul lavoro. Era l'ultimo passo, il più atteso, che chiude di fatto il processo avviato nell'86 dal cardinale Carlo Maria Martini: la solenne cerimonia di beatificazione sarà celebrata nei prossimo mesi. La notizia è stata accolta con gioia e commozione in tutti i 28 Centri della Fondazione Don Gnocchi, presieduta oggi da monsignor Angelo Bazzari, terzo successore di don Gnocchi. Festa grande anche tra gli alpini (don Carlo fu l'indimenticato cappellano degli alpini nella drammatica ritirata di Russia) e negli ambienti dell'Aido (in punto di morte don Carlo volle donare le proprie cornee a due mutilatini ciechi, quando ancora i trapianti di organi non erano regolati dalla legge). Campane a festa anche a San Colombano al Lambro, presso Lodi, paese natale di don Gnocchi.
torna su