indietro

DONAZIONI: PRIMO SEMESTRE IN CALO

Meno donazioni di organi e meno trapianti in Italia nel primo semestre 2007 rispetto allo scorso anno.

26/07/2007
Dopo anni in cui il consenso alle donazioni era andato salendo sempre di più, quest'anno per la prima volta ci si è fermati. Meno donazioni di organi e meno trapianti in Italia nel 2007 rispetto allo scorso anno. I dati vengono dal Centro nazionale trapianti (Cnt), che impone "contromosse" immediate. La prima sarà il progetto "carta d'identità" che vedrà impegnati i comuni: al rinnovo del documento, ogni 5 anni, al cittadino sarà consegnata un pieghevole e la tessera per l'assenso alla donazione. Il tutto per risvegliare, come sottolineato dallo stesso presidente del Consiglio Romano Prodi solo poche settimane fa, la generosità «un po' affievolita» degli italiani. I numeri parlano chiaro: nel 2007 si è avuto un calo di circa il 4-5% di donazioni e trapianti, passando da un totale di circa 3.200 trapianti effettuati nel 2006 a poco più di 3.000. A calare, afferma il Cnt, è anche il numero di donatori effettivi, mentre cresce l'opposizione alla donazione. Resta invece stabile la situazione delle liste di attesa: al 31 maggio 2007, i pazienti in attesa di un organo sono 9.478. Un quadro che il direttore del Cnt, Alessandro Nanni Costa, definisce «in chiaro scuro»: «Da un lato - spiega - c'è un aumento dei donatori segnalati, ovvero dei potenziali donatori segnalati dalle rianimazioni, e questo è positivo, ma dall'altro si registra anche un calo dei donatori effettivi e una crescita dell'opposizione alla donazione degli organi». La ragione? Molto dipende dal fatto, che è in aumento l'età dei donatori: cresce, cioè, l'anzianità dei donatori, anche per effetto del generale invecchiamento della popolazione, con la conseguenza che in vari casi gli organi non risultano alla fine utilizzabili ai fini del trapianto. Ma se il fattore anzianità gioca un ruolo importante, resta il fatto, che in molte regioni continua ad essere molto lacunosa la organizzazione . Le statistiche nell'allegato.
torna su