indietro

DONAZIONI E TRAPIANTI: LA TOSCANA LEADER IN ITALIA E IN EUROPA

Straordinari risultati dell'OTT nel corso del 2006.

31/01/2007
Il 2006 si è chiuso in Toscana con risultati straordinari in termini di donazioni di organo e di trapianti. Il tasso di donatori segnalati dalle rianimazioni è arrivato a quota 74,3 per milione di abitanti, su una media nazionale di 34,7. A questo dato si aggiungono anche il tasso di donatori effettivi (donatori a cui è stato prelevato almeno un organo) che è del 42,3 per milione di abitanti, contro una media nazionale di 21,7  e quello dei donatori utilizzati (donatori che hanno dato esito al trapianto almeno di un organo) che giunge a  37,5 per milione di abitanti ,contro una media nazionale del 20,1. La Toscana è regione leader in Italia in questo settore. 'Quando nel 1996 la Toscana iniziò, con la prima Azione programmata, il suo percorso nel campo delle donazioni e trapianti – ha affermato oggi l'assessore regionale per il diritto alla salute Enrico Rossi, nel corso di un incontro con la stampa a cui ha partecipato il direttore dell'Organizzazione Toscana Trapianti Franco Filipponi – mai avremmo pensato di superare barriere considerate invalicabili a livello internazionale. La Toscana ha dimostrato che si puo' fare, che la generosità della sua popolazione combinata con una buona organizzazione del sistema sanitario costituiscono una formula di potenzialità straordinarie e inattese, che consente di portare a buon fine il complesso percorso della donazione'. Basti pensare che nei casi di donazione multiorgano sono coinvolte, dalla manifestazione del consenso a trapianto effettuato, non meno di 150 persone. Particolarmente significativo il tasso di donatori segnalati, che misura la qualità delle rianimazioni, la loro capacità d! i individuazione e l'aderenza a procedure e normative in un dato bacino regionale. L'importanza di questo indicatore non è solo legato a mere classifiche numeriche ma all'evidenza della qualità assistenziale che i rianimatori esprimono in un contesto sanitario regionale che, lo dicono i numeri, è uno dei migliori d'Italia. Per quanto riguarda i trapianti di organo, nel 2006  ne sono stati effettuati 333 (erano stati 271 nel 2005). I dati di rilievo, comparati ad quelli nazionali, sono rappresentati dal fegato con 119 trapianti (34,1 pmp contro 18,9 della media nazionale), dal rene con 155 trapianti (44,4 pmp  contro 29,1 della media nazionale) e dal pancreas con 32 trapianti (9,1 pmp contro 1,6 della media nazionale). Nello stesso tempo le opposizioni sono diminuite al 29,6%% rispetto al 31,9% del 2005. Il tempo medio di lista di attesa nel 2006 si è ridotto in tutti i programmi regionali, anche in questo caso risultando fra i più brevi nel nostro paese: pancreas 3,1 mesi, ! fegato 4,6 mesi, cuore 4,9 mesi, polmoni 5,3 mesi, rene 1,9 an! ni. Ecco gli obiettivi dell'Organizzazione Toscana Trapianti per il futuro: consolidare i risultati conseguiti facendo approdare la rete regionale delle donazioni e trapianti verso una fase di piena maturità. Ridurre progressivamente il tempo di attesa grazie all'aumento della donazione per poter assicurare un percorso assistenziale efficace e sicuro per i cittadini, che fino a metà degli anni '90 erano costretti ad emigrare per ottenere un trapianto. Proseguire sulla strada della qualità e della sicurezza grazie al 'Programma regionale di accreditamento del percorso e dei processi di donazione e di trapianto' varato di recente. vipas
torna su