indietro

É PARTITO IL GIRO D'ITALIA GIOVANI UNDER 23

LA TESTIMONIANZA DEI CICLOTRAPIANTATI AIDO NEI CHILOMETRI FINALI DEL PERCORSO

30/08/2020

È di Alejandro Ropero Molina (Kometa) la prima maglia Rosa Enel del Giro d'Italia Under 23, la prima grande corsa a tappe in Italia dopo la ripartenza. E si riparte da Urbino, nell'anno delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio, uno dei più grandi artisti di ogni tempo, pittore icona del Rinascimento, nato proprio ad Urbino e simbolo della forza espressiva della gioventù, la stessa energia che caratterizza gli Under 23 in gara.

Prima dell'arrivo della tappa, gli ultimi chilometri del percorso sono stati percorsi in bicicletta da quattro ciclisti che hanno ricevuto in dono un trapianto, che ogni giorno testimonieranno così la propria esperienza, il viaggio con AIDO, che firma la maglia Bianca del leader della classifica dei Giovani.

Sfida e palcoscenico per i talenti del ciclismo italiano e internazionale, il Giro d'Italia Giovani è anche occasione di promozione del territorio e della cultura dei territori attraversati, megafono per raccontare la ripartenza e l'italianità, ancor di più in questo 2020.

Contesto ideale per raccontare a un pubblico nuovo, sportivo, giovane e reattivo l'attività dell'Associazione italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule, fin dal 1973, opera per diffondere la "cultura della donazione" al prossimo e sensibilizzare cittadini maggiorenni affinchè possano fare una scelta consapevole in vita sulla donazione di organi, tessuti e cellule dopo la morte a scopo di trapianto terapeutico, coniugando così le idee di "società" e "solidarietà" a quella di "responsabilità".

La corsa prosegue domenica 30 agosto con la seconda tappa, Gradara (Pu) – Riccione (Rn) di 125 km. Dalle Marche all'Emilia-Romagna, 1.300 metri di dislivello, prendendo il via da una delle piccole città medievali più belle d'Italia, per poi pedalare verso Nord fino a Riccione, città amica del Giro d'Italia Under 23 negli ultimi anni.

Sul traguardo di Riccione, si ripeterà l'esperienza dei ciclotrapiantati che percorreranno gli ultimi chilometri del percorso dei giovani talenti del Giro U23.

 

torna su