indietro

Gli organi di un bimbo palestinese salvano tre israeliani.

Un gesto di grande amore e solidarietà che squarcia la quotidianità di una terra divisa dall’odio e dalla violenza.

17/09/2010
In Israele tre persone si sono salvate grazie agli organi di un bambino morto in un incidente. La notizia meriterebbe il giusto risalto anche a leggerla così ma assume contorni ancora più significativi se si considera che i tre beneficiari sono tutti ebrei e il piccolo donatore è un palestinese. Un gesto di grande amore e solidarietà che squarcia la quotidianità di una terra divisa dall’odio e dalla violenza. Fatto sta che l’episodio, reso noto dal quotidiano israeliano Yedioth Aharonot, è stato subito rilanciato con grande entusiasmo dal Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia (Crif), ricordando che i beneficiari dei trapianti, eseguiti con successo, sono attualmente in convalescenza. La possibilità di una nuova vita è stata offerta dalla famiglia del bambino palestinese che ha consentito l’espianto del suo fegato e dei suoi polmoni. Secondo l’agenzia Zenit, dopo l’incidente, la famiglia del bambino, che aveva tre anni, lo ha portato subito in un ospedale locale. Da lì è stato trasferito all’ospedale Hadassah Ein Karem di Gerusalemme. Il piccolo ha ricevuto assistenza e i medici hanno lottato per salvargli la vita. É rimasto ricoverato per una settimana, ma il suo stato di salute ha continuato a peggiorare e alla fine è morto il primo settembre. I suoi genitori hanno quindi acconsentito alla donazione degli organi, che ha salvato la vita di tre persone, tra cui un piccolo israeliano di cinque anni che aveva urgentemente bisogno di un trapianto di fegato. Il bambino è ora ricoverato nell’unità di Terapia Intensiva dell’ospedale Schneider e le sue condizioni sono stabili. Parallelamente, è stato trapiantato un polmone a una bambina di sette anni e mezzo che soffriva di una malattia polmonare. L’altro polmone è stato trapiantato a un uomo di 55 anni. “Mio figlio era giunto a uno stato tale che era impossibile salvarlo”, ha dichiarato Moussa Salhut, il padre del bambino palestinese morto. “Siamo felici di vederlo rivivere in altre persone, indipendentemente dal fatto che siano arabe o ebree”, ha sottolineato. “Quando si tratta di salvare una vita non c’è differenza”, ha aggiunto. “Nella tristezza della nostra perdita, siamo contenti di aver potuto salvare delle vite”. (M. G., Radio Vaticana).
torna su