indietro

GRAN BRETAGNA: PRIMO TRAPIANTO DI CUORE "PULSANTE"

Grazie a un sostegno artificiale l'organo in pratica non cessa di funzionare, consentendo di avere piu' tempo a disposizione prima del trapianto.

05/06/2006
Anche la Gran Bretagna realizza il suo primo trapianto di cuore pulsante, un'innovativa tecnica che promette grandissimi benefici alla chirurgia cardiovascolare. L'intervento, si e' appreso oggi, e' stato realizzato il 22 maggio al Papworth Hospital di Cambridge su un paziente di 58 anni, che sara' presto dimesso. La nuova metodologia, gia' applicata in Germania, prevede il mantenimento dell'organo dopo il prelievo in uno stato di costante funzionamento fisiologico grazie ad un'apposita pompa che garantisce il rifornimento di sangue. Secondo Chris Rudge, direttore dell'unita' trapianti del servizio sanitario britannico, si tratta di un ''significativo sviluppo'' per la chirurgia cardiovascolare, che potrebbe consentire il raddoppio del numero di trapianti annui. Sviluppata dalla societa' statunitense TransMedics, la pompa artificiale pochi minuti dopo il prelievo viene collegata al cuore, rifornendolo di sangue arricchito con ossigeno e sostanze nutritive, ad una temperatura leggermente inferiore a quella corporea . Grazie a questo sostegno artificiale l'organo in pratica non cessa di funzionare, consentendo di avere piu' tempo a disposizione prima del trapianto. Un passo importante rispetto alle tecniche finora utilizzate che si basano sulla conservazione del cuore nel ghiaccio per un periodo di tempo non superiore alle sei ore, trasformando ogni intervento di trapianto in una sorta di disperata lotta contro il tempo. (ANSA)
torna su