indietro

IGNAZIO MARINO LASCIA L'ISMETT

John Fung designato direttore ad interim. Solidarietà del personale ospedaliero Ismett a Marino.

10/09/2002
Il professore Ignazio Marino, dopo 5 anni, ha lasciato, in polemica con i partner americani, gli incarichi clinici e amministrativi dell'Istituto mediterraneo per i trapianti di Palermo. "Fin dall'inizio era chiaro - ha affermato Marino - che i nostri interlocutori americani avevano scelto la Sicilia per fare i loro interessi che erano esclusivamente di tipo economico. Avevamo pagato milioni di dollari all'University of Pittsburgh Medical Center per il management e per l'avviamento. Spese utili per far decollare un progetto ambizioso come quello dell'Ismett. Ma, nel momento in cui dovevamo passare alla fase successiva, e cioè alla razionalizzazione e alla riduzione dei costi, e contemporaneamente, dare il via alla formazione dei medici che dovevano affrancarci definitivamente dalla dipendenza, anche tecnologica, dagli americani, l'università di Pittsburgh ha creato un pressing forsennato sostenuto da "occulti amici", che hanno tradito la propria terra, per togliere di mezzo il Prof. Ignazio Marino, l'unico vero ostacolo che aveva garantito fino a quel momento il nostro investimento e la Sicilia". Intanto il professor John Fung, è stato designato dall' Upmc direttore scientifico ad interim dell'Ismett. Fung, che attualmente dirige il "Thomas E. Starzl Transplantation Institute", il centro clinico di punta dell' Università di Pittsburgh, dal quale proviene lo stesso Ignazio Marino, è il chirurgo che a Pittsburgh ha raccolto l' eredità di Thomas Starzl, il padre del trapianto di fegato. Il nuovo direttore dell' Ismett ha eseguito oltre 150 trapianti di rene e 750 di fegato. Al suo attivo ha anche numerosi trapianti di intestino, di fegato da donatore vivente ed è coautore di oltre 700 pubblicazioni scientifiche. Fung è considerato fra i più importanti chirurghi di trapianti epatici in attività. Dal Novembre 2000 il chirurgo ha cominciato a supportare l' attività clinica dell' Ismett. "Con questa nomina di profilo internazionale - si legge in una nota dell' Istituto - l' Upmc intende sottolineare la rinnovata volontà di confermare l' Ismett come centro di eccellenza nell' area del Mediterraneo. Tra gli obiettivi immediati quello di incrementare il numero dei trapianti di rene e di fegato (compresi quelli da donatore vivente) e di promuovere l' avvio dei programmi di trapianto di pancreas, cuore e polmone". In un comunicato il personale ospedaliero dell' Ismett dice di apprendere " con enorme stupore e profondo rammarico la notizia delle dimissioni del professore Ignazio Marino da tutte le cariche ricoperte in Istituto. Nell' esprimergli solidarietà e comprensione per la decisione maturata il personale di questo Istituto sente la necessità di manifestare pubblicamente al professor Marino gratitudine ed affetto per tutto quello che è riuscito a fare per la gente di Sicilia, ma sopratutto per quello che, ha insegnato a tutti noi. Siamo certi che ci mancherà molto ma ancor di più mancherà alla sanità siciliana che oggi perde un uomo per certi versi insostituibile". (vipas)
torna su