indietro

IL "CUORE" ITALIANO BATTE IN UN PAZIENTE FRANCESE

Nel mondo 100mila persone all'anno in attesa di trapianto.Anche in un paziente di Parigi, dopo uno tedesco, batte il «cuore» realizzato dal Cnr di Pisa. Per l'Italia si attenda l'autorizzazione.

13/05/2007
È iniziata anche in Francia (dopo la Germania) la sperimentazione del dispositivo di assistenza cardiaca sviluppato dall'Istituto di Fisiologia clinica del CNr di Pisa. Il ventricolo artificiale, che «aiuta» il cuore a funzionare, è stato impiantato su un paziente francese all'ospedale Salpetriere di Parigi. La sperimentazione clinica del dispositivo, informa una nota dell'azienda New Cortec che ha messo a punto il dispositivo, che si protrarrà per circa un anno, coinvolge un centro tedesco, due centri francesi e quattro centri italiani (Ospedali Riuniti di Bergamo, Centro Cardiochirurgico del CNR di Massa, Ospedale Niguarda di Milano e Policlinico San Matteo di Pavia). Tuttavia, per l'inizio della sperimentazione in Italia dei quattro centri italiani si attende ancora l'autorizzazione da parte del Ministero della Salute. Nel frattempo lo strumento è stato impiantato con successo in Germania, e ora anche a Parigi. Nel mondo sono 100 mila l'anno i malati di cuore con scompensi molto gravi. A fronte di questa esigenza, solo 3-4.000 i donatori, con una lista d'attesa quindi molto lunga. Il dispositivo di assistenza cardiaca può funzionare come 'ponte al trapiantò, mentre per i pazienti non candidabili al trapianto è impiegato come 'terapia di assistenza permanentè. vipas
torna su