indietro

Il CNT designato “Collaborating Centre” dell’OMS per la sicurezza.

La firma al Meeting internazionale sui trapianti a Roma

15/11/2012
L’incarico per la vigilanza e sorveglianza di cellule, tessuti e organi di origine umana e utilizzati per scopi terapeutici. La firma al Meeting internazionale sui trapianti a Roma. Presentata anche la biblioteca digitale Notify Library, che raccoglie circa 2.000 pubblicazioni scientifiche sugli eventi e reazioni avverse in seguito a trapianto. Dal 14 al 16 novembre Roma ospita i maggiori esperti mondiali sulla sicurezza nei trapianti di organi, tessuti e cellule. La tre giorni di lavori, dopo l’apertura al Ministero della Salute, si svolgerà presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive “L. Spallanzani”. Al meeting saranno presenti 45 esperti internazionali (provenienti dai Cinque Continenti), mentre 2000 è il totale delle pubblicazioni oggetto di discussione, 5 sono i gruppi di lavoro costituiti e 900 sono i casi di eventi e reazioni avverse presi in esame. Il meeting, promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti (CNT), riunirà clinici, scienziati e rappresentanti istituzionali di tutto il mondo per realizzare la review della Notify Library: una “biblioteca digitale”, di pubblica consultazione, che raccoglie circa 2.000 pubblicazioni scientifiche sugli eventi e reazioni avverse in seguito a trapianto di organi, tessuti e cellule. La Notify Library, coordinata dall’OMS e sviluppata dal CNT, nasce dalla collaborazione di oltre 150 medici, scienziati e rappresentanti istituzionali di 40 diverse nazioni con l’intento di realizzare il primo database mondiale in grado di riunire l’esperienza sugli eventi e le reazioni avverse nei trapianti di organi, tessuti e cellule (comprese le cellule riproduttive). Alla bibliografia aggiornata, organizzata strutturalmente, si potranno consultare anche delle analisi dettagliate su come gli eventi e le reazioni avverse sono state individuate dai clinici di tutto il mondo e su come le cause di tali eventi sono state confermate. La realizzazione di questa “biblioteca digitale” rappresenta un concreto passo in avanti per promuovere la sicurezza e la qualità nelle procedure di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule a livello mondiale. La conoscenza e la condivisione di esperienze in casi di eventi e reazioni avverse in seguito, ad esempio, a donazione di organi permettono alla comunità medica e scientifica di migliorare sempre più la qualità delle prestazioni sanitarie di tutto il mondo. Nel corso del meeting è stata poi ufficializzata la designazione del CNT a “Collaborating Centre” dell’OMS nel campo della vigilanza e sorveglianza di cellule, tessuti e organi di origine umana e utilizzati per scopi terapeutici. L’accordo tra CNT e OMS La carica a “collaborating centre” dell’OMS è conferita a Istituzioni che, negli anni, si sono dimostrate delle solide alleate dell’Organizzazione stessa, aiutandola a rafforzare il proprio mandato e supportandola a raggiungere gli obiettivi globali nel campo della salute. Tra i requisiti che l’OMS ha fissato affinché un’Istituzione possa diventare suo “collaborating centre” figurano, ad esempio: - il riconoscimento nazionale e internazionale di un’altissima professionalità tecnica e scientifica; - la capacità di lavorare con altre istituzioni sia a livello interno che negli altri Paesi Membri; -una precedente collaborazione (di almeno due anni) con l’OMS nell’ambito di attività pianificate e portate avanti congiuntamente. Il conferimento di questa carica al CNT testimonia l’eccellenza dell’intero sistema trapianti italiano e il ruolo di leadership che il nostro Paese ricopre a livello internazionale nel settore, come testimoniato dai diversi progetti europei e non che lo stesso Centro ha guidato nel corso degli anni. Nel campo degli usi terapeutici di organi, tessuti e cellule l’Organizzazione Mondiale della Sanità si avvale della collaborazione di Italia e Spagna, i due Paesi leader europei per sistemi organizzativi, numero di donazioni e trapianto e per qualità delle prestazioni erogate. L’attività oggetto dell’accordo di collaborazione OMS-CNT L’intesa prevede la realizzazione di un database per la Notify Library che raccolga i casi riportati in letteratura degli eventi e reazioni avverse gravi secondo le indicazioni scaturite dagli incontri di Bologna e Ginevra. Questa operazione punterà, quindi, a: - riunire l’esperienza mondiale nel campo della vigilanza e sorveglianza di organi, tessuti e cellule (comprese le riproduttive); - curare la gestione della Notify Library e dei gruppi editoriali; - assicurare la diffusione della Notify Library (attraverso la messa a punto di un sito web dedicato) per agevolare l’accessibilità ai dati sui casi di eventi e reazioni avverse gravi tra tutti i Paesi membri; - partecipare allo sviluppo di strumenti dedicati a clinici e autorità sanitarie sul tema della vigilanza e sorveglianza; - supportare l’OMS nello sviluppo di un glossario di termini tecnici sulla vigilanza e sorveglianza di organi, tessuti e cellule, promuovendone la standardizzazione; - contribuire all’organizzazione di incontri tra i vari Paesi membri dell’OMS per definire schemi di azione sulla vigilanza. Tipologia delle attività: - raccolta e analisi critica della bibliografia e diffusione delle stessa; - coordinamento delle attività gestite da altre Istituzioni sanitarie e governative dei Paesi membri WHO; - comunicazione. (Quotidianosanita.it, 14 novembre 2012) In allegato il documento di presentazione della biblioteca digitale "Notify Library".
torna su