indietro

Il commento del Presidente Vincenzo Passarelli sui dati 2014.

Dopo 4 anni il sistema comincia a muoversi.

27/02/2015
Dopo 4 anni il sistema comincia a muoversi (19,6 pmp - siamo tornati ai livelli del 2009). A fronte di circa 5.500 pazienti deceduti con lesione cerebrale nelle rianimazioni, solo in 2.346 la morte viene determinata con criteri neurologici. É ancora elevato il numero di “morti encefaliche silenti”, in particolare in alcune regioni con bassissimi risultati di donazione (Campania, Puglia, Sicilia). Il pmp dei decessi con accertamento neurologico va dai 83,4 della Toscana ai 14,7 dell’Umbria. Questa differenza è indice sia di insufficiente collaborazione tra coordinatori e intensivisti, ma anche di notevoli differenze di management del grave neuroleso. La donazione non può essere compito esclusivo della rete dei coordinatori, ma deve essere obiettivo evidente e dichiarato dell’intero ospedale e soprattutto dell’intera area critica (Accordo Stato Regioni n. 198 del 13 ottobre 2011).
torna su