indietro

IL NEFROLOGO TUTOR PER I TRAPIANTATI DI RENE

La proposta della Società Italiana di Nefrologia (SIN)

16/05/2005
In Italia sono 20 mila i malati che hanno avuto un trapianto di rene, in media 2.100 l'anno, per ognuno dei quali ci sara' presto un nefrologo-tutor, assegnato per zona di residenza dalla Societa' Italiana di Nefrologia (Sin). A questa figura potranno fare riferimento i trapiantati che spesso, in caso di complicanze post-trapianto, come febbre alta, si mettono in viaggio per centinaia di chilometri per raggiungere il centro dove hanno subito il trapianto, senza che ve ne sia la necessita'. Sul fronte della dialisi sono invece circa 45 mila i pazienti che si sottopongono a emodialisi ospedaliera e peritoneodialisi a domicilio. Questa la fotografia che emerge dal primo censimento on-line mai realizzato da una societa' scientifica italiana, che raccoglie una sintesi del 46° Congresso nazionale della Societa' Italiana di Nefrologia (Sin), appena concluso a Montesilvano (Pe). Dai dati raccolti dalla Sin, emerge un quadro incoraggiante soprattutto sul fronte della dialisi che vede l'Italia ai primi posti nel mondo per qualita' assistenziale nelle 663 Unita' Operative (U.O.) di nefrologia e dialisi, i centri pubblici e privati convenzionati. ''Il trattamento in campo dialitico nel nostro Paese e' eccellente - dice Francesco Paolo Schena, presidente della Sin e direttore dell'U.O. nefrologia e dialisi al Policlinico di Bari - tant'e' vero che anche la mortalita' e' tra le piu' basse, con un valore che si attesta sul 10% mentre in Paesi come gli Usa si aggira intorno al 19%''. Sono 9 mila i 'posti-rene' con un indice di utilizzo di circa 3,5 pazienti per ciascuna postazione, in linea con la media europea. Piu' delicata la situazione sul versante dei trapianti, con 6 mila pazienti in lista di attesa. La disponibilita' di donatori nei 20 centri che praticano il trapianto di rene, pur essendo salita a 23 per milione di abitanti, e' ancora molto al di sotto del numero ottimale, indicato in 50 unita' per milione. Obiettivo della Sin, che raccoglie circa 2.300 specialisti e si articola in 10 sezioni su tutto il territorio nazionale, e' puntare all'eccellenza e fornire a fine anno una lista dettagliata delle risorse di ogni struttura su pratica clinica e ricerca medica in nefrologia. (vipas)
torna su