indietro

Incubo terremoto: all’ospedale di Fermo prelievo di organi con le scosse

Nonostante il sisma continua l'attività di donazione e trapianti

02/11/2016

Operazione chirurgica tra le scosse, la scorsa notte, nell'ospedale di Fermo, nelle Marche, dove sono stati prelevati gli organi di una donna di 56 anni deceduta per emorragia cerebrale. «Nonostante il sisma continua l'attività di donazione e trapianti. E sembra essere incentivata, in un momento così drammatico, da un risvegliato senso di solidarietà», sottolinea  Francesca De Pace, coordinatore regionale del Centro Nazionale Trapianti delle Marche. Tanto che, rende noto, «nella nostra regione, negli ultimi 10 giorni abbiamo avuto ben 5 donazioni, di cui tre di organi e due di tessuti».

Nonostante il forte disagio psicologico di operare tra una scossa e un'altra, il terremoto non ferma dunque il lavoro degli medici e infermieri, «che - prosegue De Pace - vivono con grandissimo senso di dedizione la loro missione, nonostante spesso siano loro stessi sfollati». In particolare l'ospedale di Fermo è sovraccarico perché, in questo periodo, raccoglie i pazienti di Amandola e serve tutte le zone interne. Proprio qui si è concluso stamattina alle 7.30 il prelievo multiorgano. Uno dei due reni è stato trapiantato all'ospedale di Ancona e un altro a Genova, mentre i polmoni a Bologna. Il prelievo, conclude De Pace, «è terminato appena in tempo per non sentire la forte scossa delle 8.56 e, più di altri, ha ridato speranza: è un simbolo di come dalla morte la vita rinasca e conferma che la rete dei trapianti funziona anche in condizioni critiche».

(CorriereAdriatico.it)

torna su