indietro

ITALIA: DUE TRAPIANTI CON ORGANI "INTERNAZIONALI"

Un cuore dalla Grecia e un fegato dalla Slovacchia.

12/10/2008
Due trapianti internazionali sono stati eseguiti il 10 ottobre scorso in Italia. Un cuore proveniente da Salonicco (Grecia) ed un fegato da Martin (Slovacchia) sono stati trapiantati con successo, quasi nelle stesse ore, su due malati italiani: il cuore su un adulto operato presso il centro trapianti di Verona; il fegato su un bambino operato al centro trapianti di Bologna. Il coordinamento italiano per gli scambi di organi con l'estero, l'Italian Gate to Europe (Ige), è stato attivato dal Centro nazionale trapianti in convenzione con il policlinico di Roma Umberto I per la gestione operativa dell'operazione. Ad Ige si sono rivolti in sequenza il coordinamento trapianti della Grecia e della Slovacchia per segnalare la disponibilità dei due organi non utilizzabili in quei Paesi per mancanza di riceventi compatibili. Sono state messe subito in atto le procedure per verificare nelle liste di attesa ed in particolare nel programma pediatrico nazionale, la compatibilità dei pazienti. Al termine di questa fase è stato indicato quale ricevente compatibile per il cuore un cardiopatico di Verona di 63 anni, in gravi condizioni cliniche, ed un piccolo paziente di Bologna ricoverato con una gravissima patologia del fegato. I cardiochirurghi sono andati in Grecia ad eseguire il prelievo rientrando a tempo di record in Italia per eseguire il primo trapianto. Nelle stesse ore chirurghi del centro trapianti in Slovacchia si sono resi disponibili a prelevare il fegato, per ridurre al minimo il tempo di ischemia prima del trapianto, mentre in Italia venivano organizzati sia il trasferimento del fegato, con la collaborazione dell'aeronautica militare italiana, che la sala operatoria per il secondo trapianto. Vipas Apcom
torna su