indietro

ITALIA: NATI DUE MAIALINI CLONATI PER TEST TRAPIANTI

Sono i primi di questo tipo ottenuti in Europa ,nel Laboratorio di tecnologia della riproduzione di Cremona.

15/05/2008
Si chiamano Apollo e Circe i due maialini geneticamente modificati perché i loro organi siano compatibili con l'organismo umano in vista dei trapianti da animale a uomo. Sono i primi di questo tipo ottenuti in Europa e sono stati clonati in Italia, nel Laboratorio di tecnologia della riproduzione di Cremona. I due maialini sono stati ottenuti nell'ambito del progetto europeo Xenome e sono privi di un antigene che è la prima causa di rigetto iperacuto. Le linee cellulari utilizzate per clonarli sono state messe a disposizione dei ricercatori ottenute negli Stati Uniti da David Sachs, del Massachusetts General Hospital di Boston. "È solo il primo passo", ha detto il direttore del laboratorio cremonese Cesare Galli. Nel suo laboratorio sono già in corso altre gravidanze della stessa linea di maiali, nei quali sono stati aggiunti due geni (Daf e Cd39) che controllano coagulazione del sangue e infiammazioni. Nuovi geni candidati sono allo studio in Austria, Francia e Portogallo nell'ambito dello stesso progetto europeo. L'obiettivo della ricerca sullo xenotrapianto è fornire, in futuro, una fonte affidabile di cellule, tessuti e organi alle migliaia di pazienti in lista d'attesa per un trapianto a causa della cronica carenza di organi umani da donatore. La missione degli scienziati di Cremona è migliorare la compatibilità degli organi da impiantare, per ridurre la risposta immunitaria più tardiva e l'infiammazione che attualmente limitano ad alcuni mesi la sopravvivenza a lungo termine degli organi xenotrapiantati. Nello stesso laboratorio a fine aprile era nato Pegaso, figlio di Prometea, cavalla di razza avelignese entrata nella storia della scienza nel 2003 come primo clone equino al mondo. Galli è anche "papà" del primo toro clonato, Galileo, nato nel 1999.   (vipas)
torna su