indietro

ITALIA: POCHI I TRAPIANTI DI RENE DA DONATORE VIVENTE

Il dato è emerso nel corso dei lavori del convegno internazionale "Trapianti di organi addominali da donatori viventi", organizzato a Gubbio (PG) dalle università di Chicago e Minneapolis.

23/06/2002
La percentuale di trapianti di rene da donatore vivente è ancora bassa in Italia: 10 per cento, contro il 50 per cento degli USA. Il dato è stato diffuso nel corso dei lavori del convegno internazionale "Trapianti di organi addominali da donatori viventi: il punto della situazione", che si è tenuto a Gubbio (Perugia). Il convegno è stato organizzato dalle divisioni trapianti delle Università di Illinois (Chicago) e di Minnesota (Minneapolis), gli unici centri al mondo in grado di fare trapianti per tutti gli organi addominali da donatori viventi. Grazie alle procedure meno invasive che utilizzano e che assicurano, oltre ai tempi abbreviati di degenza e recupero, un basso rischio per il donatore, praticano su un numero significativo di pazienti trapianti di una parte del fegato, di una porzione di pancreas o di porzioni di intestino tenue (circa due metri). Il dottor Luca Cicalese, italiano e direttore del programma dei trapianti intestinali all'Università di Chicago ha dichiarato: "Negli Usa ci si aspetta un aumento della donazione da vivente per tutti gli organi, data la crescita dei pazienti in attesa di trapianto di organo da cadavere: Questa soluzione può essere anche per l'Italia la giusta risposta al numero crescente di malati in attesa. Il vantaggio della donazione da vivente oltre alla ridotta attesa e quindi alla possibilità di intervenire in tempo per salvare delle vite, è quello di disporre di organi di qualità perfetta, con migliori risultati per il ricevente, ed oltretutto di poter fare il trapianto programmandone il momento e non in fase di emergenza". Nel corso del congresso i circa 200 ricercatori, in rappresentanza di 40 nazioni, hanno inoltre affrontato le tematiche sociali, legali e psicologiche connesse a questo tipo di trapianti. (vipas)
torna su