indietro

L’OMS riconosce la leadership italiana nella biovigilanza sui trapianti di origine umana.

12/12/2013
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dopo aver conferito nel 2012 al Centro Nazionale Trapianti (CNT) il riconoscimento di Centro Cooperativo per la sicurezza e la vigilanza su organi tessuti e cellule, nel corso della 3° Conferenza Globale sulla Vigilanza e la Sorveglianza sui Prodotti Medici di Origine Umana ha dato il via ufficiale alla diffusione del progetto Notify realizzato dal CNT e dedicato alla biovigilanza sui prodotti di origine umana. Notify può essere definito un strategia di comunicazione per trovare soluzioni in tempo reale difronte agli eventi ed alle reazioni avverse che riguardano la donazione ed il trapianto di organi, tessuti, cellule e le procedure di procreazione medicalmente assistita. È basato su motore di ricerca localizzato sul sito internet www.notifylibrary.org nel quale si possono trovare on line informazioni su qualsiasi tipo di evento avverso del settore. I contenuti, trasmessi da un gruppo di 130 esperti a livello mondiale e coordinati dal CNT, gestore del sito assieme all’OMS, riguardano una selezione della letteratura fatta dagli esperti e relazioni ufficiali sui più rilevanti eventi avversi avvenuti in tutto il mondo. Dal 7 al 9 Dicembre , a Brasilia, oltre 75 esperti di 25 paesi provenienti da tutto il mondo hanno dato il via ufficiale al sito, in un Convegno che ha eletto chairman dell’iniziativa il Dr. Alessandro Nanni Costa, Direttore del Centro Nazionale Trapianti. Luc Noel, delegato dell’OMS, ha dichiarato agli esperti all’inizio dei lavori: “Oggi il sogno di aver un unico strumento per tutto il mondo sulla biovigilanza si realizza grazie all’ideazione e all’impegno del CNT che attualmente coordina il migliore expertise del settore a livello internazionale”. Notify sarà tradotto in cinese, in portoghese, in russo e in arabo, le lingue dei paesi emergenti nel mondo, che si affacciano ora al mondo della sicurezza sui prodotti umani. Le novità che esaminate durante il convegno riguardano la progettazione di un periodico edito dall’OMS dedicato a Notify che sarà diffuso in tutto il mondo attraverso la rete dell’OMS e l’inserimento in Notify della vigilanza sul sangue che si unirà a quelle su organi, tessuti, cellule e gameti.
torna su