indietro

LA REGIONE CAMPANIA PER I TRAPIANTI

Approvatodalla Giunta Regionale un programma triennale per lo sviluppo della donazione e dei trapianti di organi e tessuti.

16/12/2001
La Giunta regionale della Campania ha approvato un programma triennale straordinario per incrementare l'attività di prelievo e di trapianto di organi e tessuti. L'obiettivo è quello di portare la Campania agli stessi livelli delle altre regioni italiane. Gli ultimi dati (3,1 donatori per milione di popolazione), la collocano all'ultimo posto in Italia e in Europa. Il piano, per il quale è previsto un impegno finanziario di 60 miliardi, prevede: - la promozione di una informazione capillare nella popolazione per favorire la formazione di una più ampia coscienza verso la donazione e il trapianto; - il potenziamento delle strutture per i prelievi, con interventi di ordine strutturale ed organizzativo negli attuali Centri di rianimazione; - il potenziamento delle strutture regionali deputate alle attività di coordinamento e supporto; - l'adeguamento strutturale, organizzativo ed operativo dei Centri di trapianto, con l'intento di pervenire ad una più ampia offerta di attività trapiantologica, di offrire una risposta alle molteplici necessità assistenziali dei pazienti e di ridurre e poi eliminare la mobilità sanitaria verso altre regioni o verso altri paesi; - la definizione della rete regionale delle strutture deputate alle attività di prelievo e di trapianto sia di organi che di tessuti. Per la realizzazione del programma è stato istituito l'Alto comitato di programmazione per i trapianti, costituito dai responsabili del centri trapianto, dal coordinatore regionale per i trapianti, dal coordinatore regionale per i prelievi e da un dirigente regionale. Il prof. Maurizio Cotrufo, presidente dell'Alto comitato, ha dichiarato che i primi due obiettivi sono: nel 2002 raggiungere la media di 7 donatori per milione di abitanti, nel 2003 ottenere risultati uguali a quelli dei migliori centri nazionali. Il direttore del Centro nazionale trapianti, dottor Alessandro Nanni Costa, nel complimentarsi, ha dichiarato che "anche la Campania può occupare una posizione di vertice con un programma che assicura principi di efficienza e organizzazione". (vipas)
torna su