indietro

La Regione Piemonte abbraccia l'AIDO!

All'unanimità il parlamentino subalpino al fianco del «dono»

21/05/2021

Dopo l'importante accordo sottoscritto da AIDO con il capoluogo piemontese, per un progetto d'indubbio spessore nel contesto “città metropolitana” e dopo le tantissime collaborazioni profuse dalla rete associativa legata alla donazione di organi, tessuti e cellule grazie alle Sezioni Provinciali di coordinamento territoriale e le decine di Gruppi Comunali, ecco un nuovo e preziosissimo documento legato alla Regione Piemonte.

"Dopo 33 anni d'impegno associativo non posso che essere davvero molto soddisfatto di quello che ritengo l'accordo progettuale di maggior valenza ed utilità sociale a supporto della sofferenza dei 8.382 malati in lista d'attesa per un trapianto - dice visibilmente soddisfatto il Presidente AIDO Piemonte Valter Mione che aggiunge – Un accordo che porterà a promuovere una campagna di sensibilizzazione al «dono» sull'intero territorio regionale per un percorso utile a preservare la vita grazie ad informazione, cultura ed adesione ad un gesto generoso, d'amore verso gli altri”.

L'importante documento è stato approvato all'unanimità dal parlamentino subalpino senza alcun “gioco di parte” dimostrando in questo caso sensibilità e coesione sinergica riconoscendo con grande forza l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule “targata” Piemonte grande competenza, serietà e professionalità visti anche i 99.120 «candidati donatori/soci» che ad oggi hanno aderito al «dono».

“Un ringraziamento particolare - continua Mione - è assolutamente dovuto agli amministratori regionali Monica Canalis, Andrea Tronzano e Luigi Genesio Icardi che hanno abbracciato AIDO. Sono certo che a settembre, facendo squadra con il Centro Regionale Trapianti ed il Comune di Torino, , in occasione della Giornata Nazionale AIDO, si possa dare massima evidenza ed attenzione ad un percorso legato alla tutela della vita”

 

torna su