indietro

LEGGE FINANZIARIA: NUOVE RISORSE PER I TRAPIANTI

Sarebbero 700 mila gli euro stanziati, a partire dal 2008.

18/10/2007
Sarebbero 700 mila gli euro stanziati, a partire dal 2008, per effettuare controlli e interventi per la promozione e la verifica della sicurezza della rete dei trapianti. Nella bozza della legge Finanziaria 2008, oltre al suddetto finanziamento dei sistemi di controllo e di sicurezza, sono previste disposizione mirate a consentire al Centro Nazionale Trapianti il conseguimento degli obiettivi di Sanità pubblica attribuitigli dalla legge 91/99 mediante una razionalizzazione dei costi ed un miglior impiego delle risorse disponibili. Se il testo della finanziaria verrà approvato senza modifiche, la rete trapiantologica potrà contare su un significativo contributo per lo sviluppo di strategie di qualità e sicurezza degli interventi. Finanziaria 2008 (disegno di legge) Capo XV MISSIONE 17 – RICERCA E INNOVAZIONE Art. 42. (Promozione e sicurezza della rete trapiantologica) 1. Per consentire al Centro nazionale trapianti l’effettuazione di controlli e interventi finalizzati alla promozione e alla verifica della sicurezza della rete trapiantologica, è autorizzata, a partire dal 2008, la spesa di euro 700.000, fermo restando quanto disposto dall’articolo 8, comma 7, della legge 1º aprile 1999, n. 91, e successive modificazioni, e dall’articolo 92, comma 2, della legge 23 dicembre 2000, n. 388. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione, a decorrere dal 2008, dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, lettera a), del decreto-legge 29 marzo 2004, n. 81, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2004, n. 138. 2. Al fine di razionalizzare i costi e ottimizzare l’impiego dei fondi di funzionamento, nonché di organizzare le risorse umane e logistiche necessarie al conseguimento degli obiettivi di sanità pubblica attribuitigli dalla legge, il Centro nazionale trapianti, istituito con legge 1º aprile 1999, n. 91, ai fini dell’esercizio delle funzioni di coordinamento e controllo delle attività di donazione, prelievo e trapianto di organi, tessuti e cellule, fatta salva la disciplina prevista dalla legge 21 ottobre 2005, n. 219, può: a) stipulare accordi di collaborazione e convenzioni con amministrazioni pubbliche, enti, istituti, associazioni ed altre persone giuridiche pubbliche o private, nazionali, comunitarie od internazionali; b) stipulare, nei limiti del finanziamento costituito dai fondi istituzionali e da quelli provenienti da programmi di ricerca nazionali ed internazionali, contratti di lavoro secondo le modalità previste dalle norme vigenti nella pubblica amministrazione, ivi compresa quella di cui all’articolo 15-septies del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, per quanto compatibile. Fatti e cifre 106
torna su