indietro

LO SCREENING DELL'RNA PER TRAPIANTI PIU' SICURI

I ricercatori hanno preso in considerazione 2236 donatori di organo, 636 donatori di tessuto, e 117 donatori di cornea.

11/11/2004
I risultati di uno studio pubblicato su Lancet e diffuso in Italia dal Centro Studi Comunicazione Farmaco, suggeriscono che lo screening ordinario di campioni di sangue per individuare RNA virali nei donatori di organi e tessuti che non hanno segnali evidenti di malattie cliniche potrebbe ridurre il rischio di trasmissione di malattie tra i riceventi del trapianto. La presenza nel sangue di anticorpi contro malattie virali tipo HIV e epatite C è il metodo convenzionale per valutare se un individuo è sicuro per essere un donatore di organo o tessuto. Ad ogni modo questo approccio è limitato; alcuni donatori possono essere infettati da un virus ma non aver ancora "sieroconvertito" (cioè non hanno ancora mostrato una piena risposta immunitaria all'infezione producendo anticorpi), mettendo così a rischio i riceventi del trapianto. Jean-Michel Pawlotsky (Hopital Henri Mondor, Paris, France) e colleghi hanno valutato se il test dell'acido nucleico (NAT) potesse individuare l'HIV RNA o il virus dell'epatite C (HCV) RNA in una vasta serie di donatori di organo e tessuto sieronegativi, e se questa tecnica dovesse essere usata di routine per migliorare la sicurezza virale dei trapianti. I ricercatori hanno preso in considerazione 2236 donatori di organo, 636 donatori di tessuto, e 117 donatori di cornea. Sono stati identificati 5 donatori HCV RNA positivi tra 2119 donatori di organo HCV sieronegativi, e un donatore HCV RNA positivo tra 631 donatori di tessuto HCV sieronegativi. Non è stato identificato nessun donatore HIV sieronegativo, HIV RNA positivo. Dr Pawlotsky commenta: " i nostri dati, insieme ai casi riportati di trasmissione di HCV a riceventi da un donatore sieronegativo HCV RNA positivo, suggeriscono che lo screening di routine NAT di donatori di di organo e tessuto potrebbe aumentare la sicurezza virale nell'impostazione dei trapianti." (vipas)
torna su