indietro

LOMBARDIA: PRIMO TRAPIANTO AL MONDO CUORE-POLMONE DOPO ECMO

L'eccezionale trapianto effettuato presso la cardiochirurgia del Policlinico San Matteo di Pavia su un paziente cui era stata applicata l'Ecmo (extra corporeal membrane oxygenation) all'ospedale San Gerardo di Monza.

25/08/2009
Un trapianto cuore-polmone su un paziente sopravvissuto per oltre una settimana e trasportato grazie ad un dispositivo in grado di fare le veci degli organi danneggiati. E' un nuovo successo medico che porta la firma della Lombardia grazie alla collaborazione tra gli ospedali San Gerardo di Monza e San Matteo di Pavia. L'uomo, un 49enne affetto da Sindrome di Eisenmenger (ipertensione arteriosa polmonare come conseguenza di una cardiopatia congenita con shunt sinistro-destro non adeguatamente trattata durante l'infanzia e l'adolescenza), era andato incontro ad un arresto cardio-respiratorio ed era stato sottoposto a ECMO (extra corporeal membrane oxygenation) da oltre una settimana presso la rianimazione dell'Ospedale S. Gerardo di Monza. Dopo il trasferimento al San Matteo di Pavia, sul paziente e' stato effettuato, nella notte tra il 19 e il 20 agosto, un trapianto di cuore-polmone a carattere di emergenza con organi prelevati presso un grande ospedale campano. Da quanto risulta da un'indagine bibliografica, si tratta del primo caso mondiale di paziente trasferito da un ospedale dove e' stata applicata l'ECMO, presso un altro ospedale dove e' stato possibile effettuare il trapianto. L'unico riferimento bibliografico esistente, infatti, riguarda un unico caso presso la Baylor University di Houston (Texas) dove pero' sia l'applicazione dell'ECMO che il trapianto di cuore-polmone sono stati realizzati presso lo stesso Centro. Le condizioni attuali del paziente, secondo una nota dell'ospedale pavese, "sono soddisfacenti e in costante miglioramento". vipas
torna su