indietro

MORTA LA DONNA TRAPIANTATA CON UN ORGANO MALATO

L'autopsia sul corpo della donna darà una risposta definitiva sulle cause della morte?

08/09/2002
E' morta stamani, all'Ospedale Cardarelli di Napoli, la signora R.B., malata di cirrosi epatica che nel gennaio scorso venne sottoposta a trapianto di fegato al Policlinico di Modena. L'intervento, eseguito dal Prof. Pinna, riuscì perfettamente, ma l'organo trapiantato, secondo quanto riferirono i familiari della donna, era pieno di cellule tumorali. Sulla vicenda era stata avviata un'indagine dalla procura di Modena, ma i sanitari avevano sempre respinto le accuse sottolineando che il fegato del donatore (un uomo di 55 anni deceduto in un incidente stradale) era stato considerato idoneo al momento in cui era stato eseguito il prelievo. Solo successivamente i medici che avevano prelevato il rene, avevano lanciato l'allarme per la presenza di alcuni linfonodi. Purtroppo era troppo tardi, in quanto l'intervento su R.B. era quasi concluso Una indagine interna del Policlinico di Modena aveva invece assolto i medici, in quanto i test molecolari sui prelievi di tessuto tumorale della donna avevano messo in luce la presenza di cromosomi femminili non compatibili col donatore. Da qui la conclusione che R.B. non era stata contagiata dal donatore, ma era malata prima del trapianto. La risposta si avrà solo dall'autopsia, prevista nei prossimi giorni. Intanto nelle prossime settimane dovrebbe essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero della salute in materia di criteri e modalità per la certificazione dell'idoneità degli organi prelevati al trapianto, come previsto dall'art. 14, comma 5, della legge 1 aprile 1999, n.91 recante "Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti". Il decreto, che ha già avuto il parere positivo dalla conferenza Stato-Regioni, nel corso della seduta del 14 febbraio 2002, contiene le linee guida per l'accertamento della sicurezza del donatore di organi, elaborate dal Centro nazionale trapianti. (vipas)
torna su