indietro

NORD ITALIA TRANSPLANT: RIUNIONE TECNICO SCIENTIFICA

Si svolgerà ad Ancona il 4 e 5 ottobre. Presente il Ministro della Salute, Girolamo Sirchia, per premiare i benemeriti del prelievo e del trapianto.

03/10/2004
Risultati dei trapianti d’organo, equità e trasparenza nell’assegnazione degli organi, gestione delle liste d’attesa, appropriatezza degli interventi, qualità del processo di donazione e assistenza alle famiglie dei donatori..  Questi i temi che verranno affrontati il 4 e 5 ottobre ad Ancona, nell’annuale Riunione Tecnico-Scientifica del Nord Italia Transplant. Nelle due giornate si alterneranno negli interventi chirurghi,  rianimatori, clinic, infermieri e tutte le altre figure quotidianamente coinvolte nell’attività di prelievo e trapianto nelle regioni che fanno capo al NITp, organizzazione nata nel 1972 e a cui aderiscono le Regioni Lombardia, Veneto, Liguria, Marche, Friuli-Venezia-Giulia e la Provincia Autonoma di Trento.  I  dati al 15 settembre 2004 evidenziano che nel NITp si è assistito ad un incremento dell’attività di prelievo con 296 donatori utilizzati rispetto ai 242 dello stesso periodo del 2003. La quasi totalità delle Regioni ha migliorato la propria attività e tra queste spicca la Regione Marche. Nel NITp , al 15 settembre del 2004, sono stati eseguiti 925 trapianti  (414 di rene, 23 di rene-pancreas;16 di pancreas; 5 di rene-fegato; 150 di cuore; 1 di cuore-rene; 22 di DKG; 40 di polmoni, 218 di fegato intero e 36 di fegati divisi). I pazienti in attesa di trapianto sono 3480: 2308 di rene; 146 di pancreas; 420 di fegato; 419 di cuore e 187 di polmoni. Lo sbilanciamento tra pazienti in attesa e donazioni è ancora evidente, ma i risultati del reperimento sono in continuo miglioramento e quest’anno, in Italia, dovrebbe essere raggiunto il tetto delle 23 donazioni per milione di abitanti (p.m.a), risultato, in Europa, secondo solo alla Spagna. Notevole anche l’attività di reperimento e trapianto di tessuti che consolida il primato italiano in Europa, soprattutto per le cornee (NITp 114 cornee prelevate p.m.a., Italia 115 p.m.a., Europa 36 p.m.a.). Questi risultati sono il risultato di una migliore  collaborazione tra il personale sanitario, i rianimatori e i coordinatori del prelievo a cui verrà dedicato ampio spazio all’interno del convegno. Ad Ancona, fu presentato nel 1997 l’algoritmo di assegnazione dei reni. La sua applicazione ha permesso in questi anni di trapiantare molti riceventi a rischio immunologico, che per tale motivo attendevano da molto tempo, con ottimi risultati a breve e a lungo termine. Importante risultato non solo per i pazienti ma anche per gli operatori del mondo trapiantologico. L’aumento del numero dei donatori e il miglioramento dei risultati dei trapianti sono testimonianza di un sistema di qualità che viene raggiunto dal lavoro quotidianamente svolto da tutte le figure impegnate nel mondo della donazione e trapianto e deve servire come elemento di gratificazione per il proprio lavoro, per operare sempre meglio soprattutto per chi ancora attende un trapianto. (vipas)
torna su