indietro

OLANDA: TRAPIANTO DI RENE INCROCIATO

Uno studio apparso su Transplantation presenta un programma di scambio realizzato in Olanda e testato in sette Centri trapianto. Il programma si è dimostrato un valido strumento per ampliare il numero di trapianti di rene da vivente

08/02/2007
Lo scarsità di organi per il trapianto di rene ha spinto anche l'Olanda a tentare di allargare il pool di donatori viventi a quei casi in cui non sia possibile il trapianto "diretto" per incompatibilità tra donatore e ricevente. Le necessarie verifiche di compatibilità includono infatti la compatibilità di gruppo sanguigno (compatibilità AB0) e il cross-match (esame attraverso il quale si misura l'eventuale presenza nel siero del candidato di anticorpi attivi contro le cellule di quel donatore). La presenza di questi anticorpi (cross-match positivo) rende impossibile il trapianto. Per tentare di superare il problema è stato messo a punto un programma per inserire coppie di pazienti non compatibili tra loro, di cui uno in attesa di trapianto e l'altro disposto a donazione, in un database nazionale alla ricerca di un'altra coppia con la quale fosse possibile il match. Gli outcome di questo programma sono descritti in una ricerca pubblicata dalla rivista Transplantation. Lo studio ha arruolato, da gennaio 2004 a giugno 2006, 146 coppie donatore/ricevente, provenienti da sette differenti centri trapianto olandesi. Le coppie venivano sottoposte a 10 articolate procedure di confronto. Per 72 delle 146 coppie (49%) si rendeva possibile realizzare lo scambio. Il tasso di successo era significativamente più alto (p = 0,0015) nel gruppo di pazienti con incompatibilità AB0 rispetto a quello con cross-match positivo. I peggiori outcome si verificavano in pazienti AB0 incompatibili, con gruppo sanguigno di tipo 0; tuttavia, anche in questo caso, per 9 di loro (9/53; 17%) si riusciva infine ad effettuare il match. I ricercatori concludono che il programma di scambio realizzato in Olanda rappresenta un modello di successo che ha condotto ad ampliare il numero di trapianti di rene effettuati con buoni risultati. Fatti e cifre n. 94
torna su