indietro

PADOVA: ENTRO 6 MESI CUORE ARTIFICIALE TOTALMENTE IMPIANTABILE

Ad annunciarlo e' il prof. Gino Gerosa, direttore del dipartimento di cardiochirurgia dell' universita' di Padova.

15/11/2005
Entro sei mesi sara' utilizzato a Padova il primo cuore totalmente impiantabile: ad annunciarlo e' il prof. Gino Gerosa, direttore del dipartimento di cardiochirurgia dell' universita' patavina. ''Il cuore meccanico Abiocor e' una nuova frontiera, nel senso che tutti i sistemi di assistenza ventricolare che sono stati sperimentati fino ad oggi sostituiscono una parte del cuore: in questo caso, invece, l' intervento e' simile ad un trapianto cardiaco, nel senso che viene tolto completamente il cuore del paziente e viene sostituito con un cuore artificiale meccanico''. ''Per quanto riguarda la durata siamo ancora nella fase sperimentale - ha aggiunto il prof. Gerosa -: il sistema Abiocor e' utilizzato da piu' di due anni negli Usa, dove sono stati realizzati finora 14 impianti e naturalmente si continua a lavorare sul sistema per migliorare le sue caratteristiche di affidabilita' e di durata''. Alla domanda di un giornalista su quando si preveda l' impianto di un cuore meccanico in Italia, il prof. Gerosa ha risposto che ''in Italia e' Padova il centro selezionato per la sperimentazione, assieme all' universita' svedese di Lund e al centro universitario tedesco di Bad Oheynausen. Il primo impianto dell' Abiocor a Padova dovrebbe avvenire entro il primo semestre del 2006. Il centro cardiochirurgico padovano e' pronto: dobbiamo ancora consolidare il training negli Stati Uniti, ma si tratta di alcuni dettagli, entro due o tre settimane saremo operativi''. Relativamente alle caratteristiche innovative del sistema Abicor il prof. Gerosa ha aggiunto: ''la grande novita' di questo sistema sta nel fatto che e' totalmente impiantabile: non esistono cavetti extracorporei per collegare la pompa alla batteria e al sistema di controllo. In questo caso la trasmissione dell' energia e quella di qualsiasi informazione dalla macchina all' unita' di controllo e viceversa avviene attraverso la cute. Il trapiantato piu' longevo a cui e' stato impiantato il sistema Abicor - ha concluso Gerosa - e' sopravvissuto per 562 giorni, ma credo che dopo due anni di ulteriore sperimentazione dal primo trapianto, questo limite possa essere migliorato''. (vipas)
torna su